Libreria piena ma nulla da giocare

I problemi quotidiani di un PC gamer

Uno studio condotto qualche anno fa da Ars Technica rivela che almeno il 37% dei circa 800 milioni di titoli presenti nelle librerie Steam degli utenti non è mai stato neanche avviato.
Il dato, piuttosto eloquente, sottolinea in modo marcato la tendenza dei giocatori odierni ad acquistare valanghe di giochi durante i saldi nei vari shop online (Steam, GOG, Humble Store, etc.) quasi più per collezionismo che altro, accumulando centinaia e centinaia di prodotti digitali destinati a finire nel dimenticatoio.

Svelate le date dei saldi estivi di Steam?

Il fenomeno è alquanto curioso poiché non tocca soltanto gli spendaccioni, abituati ad elargire 50-60€ al day one, ma persino i più oculati nella gestione del denaro, che attendono pazientemente il bundle di turno per accaparrarsi decine di codici a prezzo stracciato e non si sognerebbero mai di superare la soglia dei 30 per un videogame.
Ma qual è il motivo dietro tali investimenti mai del tutto sfruttati?
Personalmente daremmo la colpa alla sindrome da saldi, sintomo diretto del consumismo dilagante, ma anche alla voglia intrinseca di supportare gli sviluppatori meritevoli (spesso indie) com’è giusto che sia.
Per quanto riguarda i saldi c’è davvero poco da dire: chi non ha mai sborsato almeno 10€ durante i celebri Steam sales stagionali, magari comprando un gioco interessante e recensito positivamente dalla critica che però poi passa in secondo piano a causa dell’acquisto successivo, di quello dopo e di un altro ancora?
E’ dura ammetterlo ma siamo proprio degli spreconi e tool come il calcolatore di SteamDB ci danno una chiara idea dell’entità di tale scialacquio, con risultati talora a dir poco disarmanti (nel nostro caso 47 giochi mai avviati su un totale di 233).

The Witcher 3 - Intervista al capo programmatore 2

A parte la voglia sfrenata di collezionare carte, obiettivi, medaglie e ampliare la libreria, però, a svariati PC gamer piace anche finanziare i progetti degni di nota (ne sono un esempio Kickstarter, Early Access, Indiegogo, etc.) e far proliferare l’ecosistema indipendente che grazie a loro continua a crescere a ritmi elevatissimi.
Certo, andando ad osservare le statistiche si scorge come in realtà solo il 25% delle librerie digitali venga effettivamente utilizzato, con Dota, Counter-Strike ed i soliti grandi nomi ad oscurare tutto il resto, tuttavia gli acquisti rimangono acquisti e le tasche di publisher e sviluppatori ne gioiscono oltremodo.
Guai a chi sottovaluta il potere dei saldi, in grado di convincerci a spendere moneta sonante in prodotti di cui probabilmente non usufruiremo mai, vuoi per pigrizia, smemoratezza o mancanza di tempo.
Il nostro consiglio a tutte le vittime semi-inconsapevoli del vortice infinito del consumismo videoludico è quello di acquistare soltanto i prodotti a cui si è realmente interessati e soprattutto a piccole dosi, in modo da riuscire a giocarli con calma ed eventualmente procedere ad ulteriori acquisti solo in seguito.

South Park The Fractured but Whol

Sembra un suggerimento scontato (eh, i giochi di parole) ma vi assicuriamo che noi siamo i primi a cadere nella dolce trappola dei saldi, specie se di Steam, dilapidando buona parte dello stipendio in titoli destinati all’oblio insieme al resto della collezione, nel nostro caso quantificata sulle 300 unità digitali se contiamo anche GOG, Origin, Uplay e gli altri.
Se poi vorrete continuare a darvi alle spese pazze supportando al contempo iniziative degne di lode come Humble Bundle e dando una mano agli sviluppatori emergenti, beh, nulla da obiettare.
Fateci comunque sapere nei commenti se avete provato ad analizzare il vostro account con il calcolatore di SteamDB: siamo ansiosi di conoscere i risultati e vergognarci allegramente in compagnia.

Categorie
Speciali

Hi, Zeusexy here. Scrivo di videogiochi da mezza vita, mentre l'altra mezza l'ho passata a giocare. Sono critico e puntiglioso, forse è proprio per questo che sono un PC gamer da tempo immemore. GabeN is love, GabeN is life.

    ARTICOLI CORRELATI