Come migliorare il cable management della propria postazione

Condividi su facebook
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp
Condividi su email

Il “cable management” è uno dei principali problemi da risolvere per completare la propria postazione da gaming . La gestione dei fili, necessari per il collegamento di tutte le periferiche del proprio sistema, è un aspetto centrale e per tutti, anche per chi non fa dell’ordine il suo punto di forza, è importante capire quali siano le migliori soluzioni per allestire una postazione da gioco in grado di essere comoda e funzionale.

Una corretta gestione dei cavi di collegamento è molto importante, oltre che per una questione di ordine e di eleganza della postazione (in fondo, i PC da gaming sono fatti ANCHE per essere ammirati e non solo per essere utilizzati). Individuare un sistema ottimale per poter gestire al meglio i vari cavi che compongono il proprio sistema permetterà di utilizzare al meglio le varie periferiche.

Anche nel caso ci sia la necessità di effettuare un collegamento rapido con un’altra periferica, un sistema organizzato (soprattutto dal punto di vista del cable management) agevolerà le cose. Ci sono numerosi motivi che possono spingere ad investire in soluzioni mirate a massimizzare l’ordine (e la praticità) della propria postazione da gaming.

Per un cable management di successo e per creare una postazione da gaming che sia funzionale, comoda ed elegante è opportuno mettere in pratica alcuni piccoli ma fondamentali accorgimenti. Ecco, quindi, tutto quello che c’è da sapere sulla gestione dei fili della propria postazione da gaming:

Premessa: cominciare da zero e verificare quali sono le necessità della propria postazione PC

Sia nel caso in cui si stia assemblando un nuovo PC e montando una nuova scrivania che nel caso in cui la postazione sia già completa ed utilizzata, per ottimizzare il proprio cable management e gestire i vari fili nel modo corretto, il primo passo è partire da zero. Staccare tutti i fili di collegamento presenti, verificare quali sono quelli necessari e se ci sono fili decisamente troppo lunghi rispetto al percorso da coprire. In questo modo, si avranno le idee ben chiare sul da farsi.

Eventualmente, se qualche filo dovesse mancare sarà possibile acquistarlo prima di completare la postazione. Se, invece, si ha a disposizione un cavo lunghissimo (ad esempio 3 metri di cavo HDMI per un tratto da coprire di meno di 1 metro) rispetto alle proprie esigenze potrebbe essere opportuno valutare una sostituzione con uno più adatto.

Una volta chiarite le idee e fatto il punto della situazione, avendo individuato tutte le necessità della proposta postazione, si potrà passare all’azione.

Sfruttare la parte inferiore del piano della scrivania

Solitamente, per la creazione della propria postazione da gaming, si tende ad accumulare tutto sulla parte superiore del piano scrivania. Per ottimizzare al meglio i cavi di collegamento e la loro disposizione, però, è possibile sfruttare la parte inferiore del piano scrivania (anche se la propria scrivania non prevede la possibilità di agganciare fili o altri componenti del sistema).

Questa parte della scrivania può essere utile per “nascondere” una multipresa a cui collegare tutte le varie spine dei dispositivi presenti all’interno della propria postazione (il PC, il monitor, un punto luce da scrivania etc.). Basterà scegliere il modello giusto (facendo attenzione a puntare su di una multipresa con almeno una spina in più di quelle di cui si ha bisogno normalmente) e munirsi di un po’ di nastro biadesivo di buona qualità (spesso indicato come “extra forte).

Se avete una scrivania in vetro, invece, le cose si complicano in quanto nascondere cavi e prese elettriche non sarà semplicissimo. Un’idea può essere quella di adoperare la stessa tecnica illustrata per una qualsiasi scrivania ma posizionando la multipresa al di sotto dell’area dove verrà posizionato il case del PC. In questo modo, sarà il case a nascondere la multipresa che verrà ugualmente collegata alla parte inferiore della scrivania. In alternativa, sarà possibile provare a nascondere i componenti dietro le gambe o la struttura montante della scrivania. In questo caso, ci vorrà un po’ di ingegno e fantasia per risolvere la questione.

Puntare su di una scatola portacavi

Un altro modo per nascondere cavi e, soprattutto, la multipresa è rappresentato da una scatola per la gestione dei cavi che potrà poi essere poggiata sul pavimento o nascosta dove si preferisce. Esistono un gran numero di scatole di questo tipo e sarà facile individuare quella più adatta alle proprie esigenze.

È opportuno tenere in considerazione le dimensioni della scatola. La scelta migliore è prendere una scatola leggermente più grande rispetto alle dimensioni occupate dalla multipresa in modo da evitare di comprimere troppo tutti i cavi all’interno.

Cable management: canaline, organizer e accessori vari per gestire i cavi

Dopo aver “sistemato” la multipresa e le relative spine che andranno collegate alla corrente elettrica, è necessario gestire nel modo migliore i cavi (elementi irrinunciabili, purtroppo, per una qualsiasi postazione PC, non solo da gaming). Anche in questo caso non esiste un prodotto migliore degli altri ed è necessario valutare le proprie necessità.

Il consiglio è verificare i prodotti disponibili su Amazon per individuare le migliori canaline per cavi da scrivania da montare per la propria postazione. È consigliabile prendere una canalina adesiva per semplificare il montaggio. La maggior parte dei prodotti presenta una colorazione bianca o nera. La scelta cromatica è importante se si desidera “nascondere” al meglio i cavi.

Da valutare, sempre dando un’occhiata alle opzioni disponibili su Amazon, gli organizer per cavi che permettono di massimizzare l’ordine al di sotto della scrivania, consentendo all’utente di individuare subito a cosa serve un determinato cavo. Queste soluzioni sono molto economiche e, soprattutto, molto versatili. Completare la postazione con delle canaline per cavi, da affiancare ai sistemi illustrati per occultare la multipresa, è sicuramente una scelta vincente.

Forare la scrivania: un’opzione da considerare

C’è un’altra opportunità da considerare per la gestione corretta dei cavi della propria postazione. Chi ha un po’ di dimestichezza con i lavori manuali in casa (ed ha una scrivania che prevede interventi di questo tipo) potrà valutare di praticare un foro nella scrivania dove far confluire tutti i cavi che poi potranno essere nascosti facilmente al di sotto della scrivania.

Il foro potrà essere coperto con un anello passa cavi (anche qui su Amazon ci sono tante opzioni da considerare). Tale anello ha un foro più piccolo in cui far confluire i cavi e permette di coprire il foro più grande della scrivania. Non tutte le scrivanie si prestano a questo tipo di intervento che può rappresentare un’occasione da sfruttare per migliorare, ulteriormente, la gestione dei cavi e l’ordine sulla propria scrivania.

Montaggio del monitor

Appoggiare il monitor sul piano della scrivania è sicuramente la scelta più frequente ma, in termini di cable management, non è sempre la mossa vincente. Ci sono alternative migliori che consentono sia di massimizzare l’eleganza della propria postazione che l’ordine su tutta la scrivania, andando a gestire al meglio i cavi. Le opzioni da valutare per il montaggio del monitor sono due:

Supporto a parete

Collegare il monitor alla parete (per i monitor compatibili con questa soluzione) rende la vita decisamente più semplice, eliminando un ingombrante componente dal piano scrivania e creando spazio per altri dispositivi. Per installare il monitor con un supporto a parete è necessario fare qualche lavoretto, armandosi di trapano.  È importante fare attenzione alla compatibilità tra il monitor e il supporto a parete (tenendo presente anche la grandezza del monitor in termini di diagonale).

Braccio per monitor

Un’alternativa, al supporto a parete, è rappresentata dal braccio per monitor. Questo comodo accessorio può essere collegato sia alla scrivania che direttamente al muro e garantisce una notevole mobilità per il pannello permettendo di liberare la scrivania, facendo spazio a tutto ciò di cui si può aver bisogno e migliorando l’ordine sul piano. Anche in questo caso, le alternative tra i migliori bracci per monitor non mancano di certo. Ci sono anche opzioni per due monitor che potranno tornare molto utili a diversi utenti.

Altri Accessori utili

Supporto

Per qualsiasi domanda oppure semplicemente per parlare di PC Gaming, vieni a trovarci sul nostro forum. Inoltre, se questo articolo ti è stato di aiuto, condividilo e scrivi un commento. Per tutte le altre guide segui la nostra sezione dedicata.

5/5 - (1 vote)

Potrebbero Interessarti

Cosa ne pensi? Condividi e commenta

Condividi su facebook
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp
Condividi su email

Lascia un commento

Potrebbero Interessarti

Ryzen 7 3700x vs i7-9700K: Qual è il migliore? – Prestazioni a confronto

È oramai da alcuni anni che AMD ha iniziato a recuperare il distacco con Intel, mettendo sul mercato dei processori competitivi sia sul lato prestazionale …

PS5 vs Xbox Series X vs PC: Qual è la migliore?

Dopo una generazione che, almeno a livello hardware, è stata un po’ una delusione, un PC di fascia media poteva tranquillamente superare le prestazioni di …

Tappetino Mouse da Gaming, la nostra TOP 8+2 | Guida Ottobre 2021

A cosa serve il tappetino del mouse? Il mouse pad è un accessorio importantissimo per il gaming, tuttavia, viene spesso trascurato, nell’erronea convinzione che un …

Le migliori configurazioni PC per Microsoft Flight Simulator – Ottobre 2021

Microsoft Flight Simulator 2020, come abbiamo scritto anche nella nostra recensione, è un titolo visivamente maestoso, uno dei giochi graficamente migliori che abbiamo mai provato. …

Hai domande o vuoi una build personalizzata? Contattaci