C’è stato un tanto parlare se gli esport potessero essere inclusi nelle Olimpiadi in un modo o nell’altro, anche se al momento pare non se ne faccia granché per via della violenza.

Ma c’è chi ha opinioni più estreme, come Alfons Hörmann, presidente della DOSB, la Federazione Olimpica Tedesca, il quale afferma (qui tradotto) senza mezzi termini che “gli esport non esistono”, e dunque “non verranno inclusi nel programma olimpico”.

Non solo, ma Peter Beuth, Ministro degli Interni e dello Sport, è persino contrario al termine “esport”, in quanto per lui giocare ai videogame “non ha niente a che fare con lo sport”. Opinione in contrasto con Dorothee Bär, Ministro della Digitalizzazione, la quale ha affermato in un tweet che “l’esport è sport”.