A partire dal 27 agosto, i giocatori di World of Warcraft® e i fan di tutto il mondo potranno vivere nuovamente (o provare per la prima volta) l’esperienza dei primi giorni di Azeroth grazie a World of Warcraft Classic. Questa autentica riproduzione riporta i giocatori indietro nel tempo, agli inizi dell’innovativo gioco di ruolo multigiocatore online di Blizzard Entertainment, quando Onyxia seminava il terrore dalla sua tana ad Acquemorte, Leeroy Jenkins diventava un fenomeno mondiale in seguito all’eroismo dimostrato nei Bastioni di Roccianera Superiori, e solo i più coraggiosi (o i più avventati) si aggiravano da soli nella Valle di Rovotorto.

Con World of Warcraft Classic, Blizzard ripropone il WoW® originale nella sua forma più pura, com’era ai tempi di Drums of War (patch 1.12.0), uscita il 22 agosto 2006. A tutti gli abbonati, senza costi aggiuntivi, World of Warcraft Classic darà la possibilità di rivivere i momenti che hanno definito il primo WoW, come le incursioni da 40 giocatori nel Nucleo Ardente, scontri che duravano giorni al Mulino di Tarren, o grandi imprese che richiedevano la partecipazione di tutto il server, come l’apertura dei cancelli di Ahn’qiraj.

“Creare e pubblicare World of Warcraft nel 2004 fu incredibilmente impegnativo,” ha detto J. Allen Brack, presidente di Blizzard Entertainment. “Un tornado scoperchiò uno dei data center durante i primi giorni di testing, ma per fortuna Blizzard aveva centinaia, poi migliaia e poi milioni di persone in tutto il mondo che facevano il tifo per i nostri sviluppatori.”

“Come molti dei nostri giocatori, tutti noi di Blizzard siamo stati contagiati dall’entusiasmo dei nostri fan nel vedere il mondo di Azeroth prendere vita attraverso gli occhi degli eroi che lo hanno difeso,” continua Brack. “Azeroth è sempre stato un posto meraviglioso e letale, in particolar modo ai tempi del lancio di WoW, quando i giocatori erano impegnati a scoprire ampi panorami e angusti sotterranei per la prima volta, aiutando l’azienda a trovare e risolvere i molti problemi tecnici derivanti dalla gestione di un mondo di queste dimensioni.”

“Quella prima esperienza è stata incredibilmente importante per Blizzard. Ci ha insegnato molte cose su di noi come sviluppatori e distributori, e sulla community globale di giocatori che siamo onorati di poter vantare. L’esperienza di World of Warcraft Classic è molto diversa da quella che viviamo su Azeroth oggigiorno, ma la amiamo per ciò che è e per ciò che rappresenta. Siamo ansiosi di tornare in questo mondo pericoloso, impegnativo e gratificante insieme a tutti i nostri amici, vecchi e nuovi.”

Per aiutarci a dare gli ultimi ritocchi a World of Warcraft Classic, invitiamo tutti i giocatori con un abbonamento attivo a iscriversi per avere la possibilità di partecipare alla closed beta che inizierà il 15 maggio. Nel corso del tempo inviteremo un numero maggiore di giocatori a prendere parte a una serie di stress test, previsti per quest’estate.