Valve: l’esperienza con le Steam Machine è stata fondamentale per progettare lo Steam Deck

Condividi su facebook
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp
Condividi su email

Che Valve non abbia molta fortuna con l’hardware è cosa nota a tutti. Lo Steam Controller non è riuscito a rivoluzionare il mondo dei controller ed è finito fuori produzione per una diatriba relativa a dei brevetti, e lo Steam Link è stato praticamente soppiantato da un’app. Certo, il visore per la realtà virtuale Valve Index è reputato da molti come un gioiellino tecnologico, ma il suo prezzo elevato lo rende certamente poco appetibile al grande pubblico.

Ma forse il fallimento più grande l’ha avuto con le Steam Machine, sulla carta dei PC da gaming preassemblati con Linux preinstallato, all’atto pratico era hardware con prezzi fuori dal mondo con un sistema operativo che supportava un numero decisamente scarso di giochi, cose che ne hanno sancito praticamente il fallimento al giorno del debutto. Ma, come si dice, sbagliando si impara, e Valve ha appunto imparato molto sugli errori fatti da questi esperimenti.

In una intervista con IGN, infatti, Greg Coomer, Lawrence Yang e Scott Dalton, designer presso Valve, hanno raccontato di come i fallimenti dei loro prodotti hardware abbia reso possibile la progettazione dello Steam Deck.

Lo Steam Controller ad esempio ha insegnato ai designer cosa per i giocatori è necessario e cosa cercano in questo tipo di hardware, lo Steam Link ha mostrato invece cosa occorre per fare gaming streaming, mentre il fallimento delle Steam Machine ha dimostrato che il gaming su Linux non era affatto maturo ai tempi, in quanto pochi sviluppatori erano disposti a rischiare creando una versione apposita dei propri giochi, proprio per questo Valve ha sviluppato Proton, anche se la sua diffusione significherà paradossalmente meno porting nativi per il sistema operativo del pinguino.

Pertanto, è stato molto importante per Valve parlare agli sviluppatori presentando Steam Deck dicendo che non si sarebbero dovuti preoccupare nel fare un porting per esso, perché i giochi funzioneranno lo stesso. E il fatto che i giochi funzioneranno quasi nativamente, significa che gli sviluppatori non dovranno per forza di cose preoccuparsi di dover supportare hardware che al momento potrebbe anche non avere successo, anche se noi abbiamo diversi motivi per credere che il Deck non sarà un flop, come spiegato nel nostro speciale, e anche Gabe Newell pensa che farà breccia nei cuori dei giocatori.

Potrebbero Interessarti

Cosa ne pensi? Condividi e commenta

Condividi su facebook
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp
Condividi su email

Lascia un commento

Potrebbero Interessarti

call of duty warzone

Le migliori configurazioni PC per Call of Duty: Warzone | Settembre 2021

Disponibile dal mese di marzo del 2020, Call of Duty: Warzone è uno dei titoli più apprezzati del momento su PC. Nato come DLC stand-alone …

GTX 1650 vs GTX 1650 Super vs GTX 1660: Qual è la migliore? – Prestazioni a confronto

Scegliere la migliore scheda video economica per il gaming su PC non è semplice. In questa parte del mercato, infatti, l’analisi del rapporto prezzo/prestazioni deve …

Le migliori configurazioni PC per Final Fantasy XIV Online – Settembre 2021

Anche dopo tanti anni dalla sua uscita, Final Fantasy XIV continua ad essere uno dei MMOJRPG più giocati e apprezzati su PC, grazie ai costanti …

Alimentatori PC – I migliori come qualità e wattaggio – Guida Settembre 2021

Uno degli errori più comuni tra chi decide di assemblare un PC è quello di puntare tutto il budget su componenti come processore e scheda …

Hai domande o vuoi una build personalizzata? Contattaci