SteelSeries è sempre un brand di riferimento quando si cercano periferiche da gaming di qualità grazie alla sua lunga esperienza nel settore. Tra le ultime tastiere c’è la nuova Steelseries Apex 7, una versione più economica della Apex Pro, ma che mantiene qualità costruttiva, design e pannello OLED, cambiano solo gli switch meccanici. Andiamo ad analizzarla nel dettaglio.

Caratteristiche

Iniziando dalla confezione, il design moderno è molto simile ai più recenti prodotti SteelSeries. All’interno oltre alla tastiera è incluso un poggia polsi e un manuale d’istruzioni.

Apex 7 ha un design minimale, moderno e premium con una lastra superiore in alluminio che assicura resistenza e robustezza. La base della tastiera è in plastica solida con dei pad e piedini regolabili in gomma antiscivolo per mantenerla salda a qualsiasi superficie. Il cavo non rimovibile in gomma può essere facilmente instradato in una delle tre vie disponibili e all’estremità vi sono due connettori USB di cui uno opzionale per la USB passthrough.

Il poggia polsi è magnetico e ha una costruzione premium con una superficie gommata morbida al tatto ma robusta con la giusta altezza e inclinazione.

Vicino al tastierino numerico è presente un pannello OLED che mette in mostra un immagine personalizzabile ma sopratutto consente la regolazione delle impostazioni, la modifica dei profili e la visualizzazione immediata dei messaggi su Discord o informazioni di gioco. Di fianco al display sono presenti dei controlli multimediali dedicati, una rotella in metallo e un tasto che consentono di regolare il volume e le impostazioni on-the-fly: cambiare luminosità, riavvolgere, saltare, mettere in pausa e molto altro.

Una porta USB passthrough retroilluminata di bianco è collocata tra i pulsanti ESC e F1, che facilita la vita se bisogna collegare una chiavetta USB o altro senza dover per forza usare le porte della scheda madre.

Parlando degli switch, Apex 7 usa gli ultimi tasti RGB meccanici Steelseries QX2, visivamente e anche come prestazioni simili ai più rinomati Cherry MX. La tastiera è disponibile in tre diversi modelli con switch: blue, red e brown. Nel nostro caso abbiamo la versione Red, che sono switch lineari con una attuazione di 2mm, una forza di 45cN e una durata di 50 milioni di clic.

Come per ogni tastiera di fascia alta non può mancare una retroilluminazione RGB completamente personalizzabile tra milioni di colori e diversi effetti. L’illuminazione è all’altezza con colori e sfumature uniformi su tutti i tasti. Tutte le impostazioni possono essere gestite tramite Steelseries Engine, uno dei software migliori tra le periferiche da gioco con un’interfaccia intuitiva e con impostazioni avanzate, si possono salvare fino a 5 profili personalizzati on-board.

Conclusione

SteelSeries Apex 7 è una tastiera meccanica di fascia alta che riesce a distinguersi in un mercato così competitivo. La tastiera ha un’ottima qualità costruttiva con un’attenzione impeccabile dei dettagli oltre ad un set completo di funzionalità.

Il display OLED con i tasti multimediali dedicati sono estremamente utili e unici come funzionalità, anche l’implementazione con software e videogiochi è piacevole e completa l’offerta.

Ci hanno sorpreso gli switch meccanici SteelSeries che riescono ad avere prestazioni praticamente identiche ai Cherry MX, un risultato impressionante e che pochi altri switch riescono al 100%. Altra caratteristica e forse quella più sorprendente è stato il comfort di utilizzo, può essere banale ma non basta un semplice poggia polsi per rendere una tastiera comoda. Grazie al poggia polsi e alla sua inclinazione, abbiamo trovato Apex 7 perfetta per la scrittura e ovviamente anche per il gaming.

189,99€
disponibile
1 nuovo da 189,99€
Amazon.it
Spedizione gratuita
Ultimo aggiornamento il 08/12/2019 12:54

SteelSeries Apex 7 è una tastiera meccanica da gioco completa dall’eccezionale qualità e riesce ad essere competitiva sotto molto aspetti. Il prezzo rimane elevato ma è giustificato dalla presenza del pannello OLED e dalla mole di funzionalità avanzate.

Alphacool Eisberg 240 CPU - Recensione 19
Alphacool Eisberg 240 CPU - Recensione 17