Conclusioni

Antec non si è smentita nemmeno stavolta, proponondo due validi prodotti per qualsiasi tasca senza rinunciare alle performance e all’estetica.
Sia L’Antec A30 che il C400 ci hanno stupito per le loro capacità inaspettate, soprattutto il piccolo di casa che si è dimostrato un degno avversario nei confronti di dissipatori di fascia alta e ben più generosi come dimensioni e peso.
Entrambe i prodotti offrono, insieme ad una buona qualità costruttiva, design sobrio arricchito dai suoi led blue e alle alte capacità di raffreddamento, dei prezzi contenuti in grado di accontentare anche gli appassionati di overclock.
La possibilità di aggiungere una seconda ventola esprime le ulteriori potenzialità, certo, a discapito della silenziosità che già con il sistema di base non crea alcun disturbo a regimi medio-alti.
L’integrazione delle heatpipes sulla base è ben realizzata mantenendo una superfice lineare anche se come si potrebbe aspettare, non è a specchio. Questo è un sistema adottato appositamente da Antec per soluzioni che utilizzano paste termiche ad alta viscosità, infatti le micro crepe presenti sulla base sono studiate per migliorare la dispersione di questo tipo di termoconduttori.
Unica pecca a nostro avviso, benchè il sistema di installazione sia semplice, la difficoltà con alcune schede madri nella fase di serraggio dei ganci.
Infatti, soprattutto nelle serie da overclock, che dispongono di dissipatori dei VRM di generose dimensioni, abbiamo poca libertà di movimento nel serrare i perni di aggancio alla staffa.
Per chi vuole una soluzione economica ma significativamente prestante, l’Antec A30 è la soluzione ideale per ogni utilizzo, mentre per gli utenti più esigenti l’Antec C400 è una validissima scelta in quanto a qualità, risultati e prezzo, anch’esso contenuto.
Due ottimi prodotti, garantiti per 3 anni da Antec al prezzo di circa €15 per l’A30 e €40 per il C400.

Alphacool Eisberg 240 CPU - Recensione 19 Alphacool Eisberg 240 CPU - Recensione 17

Valuta

Indice