Vai al contenuto
  • Benvenuto sul forum di PC-Gaming.it

    Dal 2013 il punto di riferimento di tutti i giocatori PC italiani. Hai domande, dubbi sulla tua configurazione PC o vuoi fare semplicemente nuove amicizie? Allora sei nel posto giusto!

     

     

Oveclock skylake serie k


Guatayabas
 Condividi

Post Raccomandati

Guida all’Overclock Skylake

( Scritta e testata da Guatayabas )

 

 

Le Basi:

-L’overclock (OC) è la pratica che serve ad aumentare le frequenze di clock della cpu per avere delle prestazioni migliori. Questo si può fare anche ad altri componenti come la vga o le ram, ma ora ci soffermeremo solo sulla cpu.

-Le frequenze di clock vengono misurate in Mhz o GHz e maggiore sarà tale frequenza maggiori saranno le prestazioni, questo si intende sempre per la stessa famiglia di cpu, che ha la stessa tecnologia e lo stesso livello di ottimizzazione. In pratica 2 cpu di generazioni e tecnologie differenti a livello di potenza non devono essere paragonate tra loro solo per la velocità di clock.

-Dopo una determinata soglia aumentare le frequenze di clock sarà impossibile e per riuscire ad aumentarle ulteriormente bisognerà dare più voltaggio ai componenti, questa è la principale causa del loro deterioramento se fatto in maniera inadeguata, quindi coi voltaggi cerchiamo di essere sempre cauti, su internet si possono trovare i limiti di voltaggi a cui si può arrivare, oltre a quelli è sempre meglio non andare.

Quindi per riuscire a fare un ottimo overclock bisognerà cercare la frequenza massima del core clock con il minor voltaggio possibile.

-Ogni cpu è diversa l’una dall’altra e diciamo che una può essere più fortunata dell’altra, ovvero che riesca a salire meglio in overclock. Dipende sempre da come e dove sono state prodotte, grazie al codice batch o fpo, si può vedere dove sono state prodotte, quando e a quale numero di lotto fanno parte. In molti casi la “fortuna” varia a seconda della qualità del silicio e nella posizione in cui i chip sono messi nel wafer di silicio (meglio quelli centrali).

2moryfp.jpg

-I vantaggi dell’overclock sono sicuramente le prestazioni migliorate. Aumentando la frequenza di clock e di vcore però andremo incontro anche a temperature maggiori, queste andranno sempre monitorate con appositi programmi, e per far fronte a tali temperature bisognerà munirsi di sistemi di dissipazione adatti a tale scopo, maggiore sarà la nostra volontà di fare overclock e maggiore dovrà essere la qualità del sistema di dissipazione, un chiaro esempio lo potete trovare nella nostra guida agli acquisti sui sistemi di dissipazione, come vedete sono divisi per i vari livelli di overclock a cui si vuole arrivare.

-Avremo anche consumi maggiori, quindi è sempre consigliato avere un alimentatore adeguato, con wattaggio e qualità superiore rispetto ad una configurazione non da overclock.

-Oltre all’alimentatore e al dissipatore per fare overclock ci vogliono alcuni tipi di schede madri adatte a farlo. Ad esempio per l’ultima serie della intel skylake ci vogliono solo schede madri con chipset z170.Per quanto riguarda la scheda madre maggiore saranno le sue fasi di alimentazione e maggiore sarà la sua capacità di fare overclock.

-L’overclock può essere fatto in diversi modi, ma il migliore in assoluto è il Daily use, ovvero un OC che permette l’utilizzo del computer 24/7 senza alcun tipo di problemi di calcolo, con temperature che non compromettono la durata del componente. Molti l’Oc lo fanno solamente per testare le proprie componenti e per cercare di raggiungere risultati più alti possibili in determinati benchmark, questi Oc il più delle volte non sono per niente stabili, sono improntati appositamente per quel determinato benchmark, per riuscire a passarlo col punteggio migliore.

Prima di cimentarsi nella pratica bisogna avere almeno delle conoscenze di base e cercare di informarsi il più possibile.

Modificato da Guatayabas
Link al commento
Condividi su altri siti

NON PERDERTI LE MIGLIORI OFFERTE

 

Programmi più utilizzati per testare e monitorare i componenti sono i seguenti:

 

-Per lo stress test si può utilizzare Aida64 extreme, Intel Burn Test o Prime95.

-Per il monitoraggio delle temperature possiamo utilizzare Real Temp o Hw monitor.

-Per il monitoraggio di voltaggi e utilizzo della cpu possiamo utilizzare cpu-z e hw-info, per l’utilizzo della cpu basta anche gestione attività per vedere se è usata al 100%.

Ci sono diversi programmi che ti danno la possibilità di modificare le impostazione del bios da Windows, sconsiglio vivamente questi programmi perché molte volte danno impostazioni sbagliate e in questi casi è meglio che non accada. Si consiglia sempre di impostare i vari parametri direttamente nel Bios in modalità manuale. Scordatevi le varie impostazioni automatiche che mettono a disposizioni le schede madri perché molte volte utilizzano un voltaggio eccessivo e inadatto che, come detto prima, può causare una minor durata di tale componente.

 

Parametri che troveremo e che dovremo utilizzare (alcuni hanno nomi diversi a seconda della marca della scheda madre, ma la loro funzione rimane sempre la stessa):

 

Bclk: ora rispetto agli haswell ora si può modificare, questo può essere utile per impostare la frequenza ram e cpu in maniera più precisa, ma nel nostro caso agiremo solo sul moltiplicatore, lasciando questo parametro a 100 MHz, dato che questo parametro non influenza solo le frequenze della cpu, ma anche quello delle DRam, del Fclk e della cache, modificandolo c’è il rischio maggiore di andare incontro a problemi di instabilità.

 

Cpu Ratio: è il moltiplicatore della cpu, il parametro che andremo a modificare per aumentare la frequenza del clock, va moltiplicato al Bclk, quindi un cpu ratio a 40 con bclk a 100 da una velocità di clock di 4 GHz.

 

Cache Ratio: questo parametro come dice il nome influisce sulla cache L3, è sempre meglio prima modificare il cpu ratio cercando di arrivare al valore massimo ottenibile e poi iniziare a modificare il cache ratio, questo perché il cache ratio non porta a chissà quali vantaggi in termini di prestazioni e molte volte può portare a instabilità.

 

Cpu Core Voltage o Vcore: questo va impostato sempre al valore minimo possibile cercando la stabilità del sistema. Come prima volta bisogna utilizzarlo in modalità manuale, fixed mode, poi trovata la stabilità si può passare alla modalità adaptive, sempre facendo attenzione all’oscillazione del vcore che con questa modalità è un po’ incerta.

 

X.m.p.: Questo profilo serve per impostare le ram per avere le massime prestazioni. Se avete delle ram ddr4 3000mhz verranno riconosciute solo a 2133mhz senza questo profilo attivato. Si consiglia di attivarlo sempre dopo aver trovato una stabilità generale con il core clock e il vcore.

 

Cpu load-line calibration(Llc): questa solitamente va impostata su 5, che è una via di mezzo, i valori superiori sono sconsigliati per un uso daily. Sotto stress test è normale che il vcore cali da 0,025 a 0,045 rispetto a quello a riposo, questo fenomeno è chiama vdroop. La llc cerca ripristinare il più velocemente possibile la tensione.

 

Cpu current capability: serve a limitare la potenza elettrica massima assegnata alla cpu. Il valore giusto per un oc daily è 130%.

 

Cpu VRM frequency: serve a impostare i circuiti di alimentazione, in OC è meglio tenerla manuale.

 

Fixed cpu VRM frequency: sono le frequenze dei VRM della cpu, una troppo elevata è sconsigliata perché li andrebbe a stressare troppo, meglio impostarla a 400.

 

Cpu power Phase control: La modalità auto è sconsigliata in OC, decide a seconda del carico se mantenere in funzione tutte le fasi vrm o se abbassarle.

 

Cpu power Thermal control: Per un Oc daily meglio non impostarle a 136 ma lasciarle a 115, questo indica la temperatura massima a cui possono arrivare i VRM.

 

Cpu power duty control: Serve per decidere dove impostare i carichi sui vrm in base alla loro temperature, se la modalità è in Extreme viene disabilitato.

 

 Spread spectrum: serve per ridurre le interferenze elettromagnetiche, in overclock meglio disabilitarlo.

 

EIST o SpeedStep: Funzione di risparmio energetico, meglio disattivarla per poi riattivarla dopo aver trovato la stabilità.

 

Cpu C-states: Altra funzione di risparmio energetico, vale come l’EIST, ovvero disabilitarla prima e abilitarla dopo. Questa funzione ha diversi stati, al raggiungimento della stabilità la imposteremo allo stato di risparmio più elevato il c7s.

 

Questi sono i principali parametri da impostare per fare un overclock sicuro a uso quotidiano.

Modificato da Guatayabas
Link al commento
Condividi su altri siti

Piattaforma utilizzata:

 

m78fw8.jpg

 

Qua alcuni screen di una Asus z170 Sabertooth s con un overclock daily use, la configurazione completa in cui è stato fatto questo overclock è la seguente:

Asus sabertooth z170 s, I7 6700k, Corsair vengeance led 3000mhz, cooler master v700, sapphire fury x, cryorig r1 universal.

Foto1, foto2, foto3, foto4, foto5, foto6, foto7, foto8, foto9 .

 

-Queste sono le impostazioni a fine overclock, prima di arrivare a questo punto bisogna fare un passo alla volta cosi da rendersi conto di quale sia il nostro limite e valutare l’opzione che ci fa più comodo.

-Come già detto ogni cpu è diversa dall’altra e con questa siamo arrivati massimo a una frequenza di 4800mhz con un core Voltage di 1,34, oltre non siamo andati a causa già di temperature alte, oscillavano tra gli 80 e gli 83 gradi e a un voltaggio già ai limiti per un utilizzo daily.

Per i processori skylake è consigliato non andare oltre a 1,35 di voltaggio per un uso daily.

Quindi data la grande differenza di voltaggio tra i 4,6ghz e i 4,8ghz abbiamo deciso di tenerla a frequenze più basse per agevolare le temperature, che in questo caso arrivano massimo a 72,73 gradi.

 

Ora vi mostreremo esattamente i passaggi da fare per effettuare un overclock sicuro:

 

Prima di tutto bisogna scaricarsi i programmi che ci serviranno che abbiamo già menzionato prima:

 

Real temp, Hardware monitor, cpu-z, intel burn test, prime 95, aida64.

 

Aggiornamento BIOS:

 

-Scaricato questi programmi bisogna aggiornare la propria versione del BIOS con l’ultima corrente che molte volte risolve bug o problemi di funzionamento di alcune impostazioni. Per farlo bisogna aprire cpu-z, andare nella sezione mainboard e alla voce Bios (esempio) controllare il numero di versione e la data. Preso nota della propria versione si va sul sito produttore della scheda madre e si cerca se ci sono versioni più aggiornate e si procede al download in caso ce ne sia bisogno.

-Per fare l’aggiornamento bios consiglio sempre di non utilizzare programmi che ti permettono di farlo tramite windows, ma alla vecchia maniera direttamente dal Bios è sempre la più sicura. Bisogna munirsi di una chiavetta usb, e formattarla tramite un apposito programma(rufus). Io utilizzo questo programma perché è il più intuitivo e semplice, bisogna solo controllare di formattare in FAT32, che lo schema di partizione sia MBR per BIOS o UEFI e che sia spuntata l’opzione crea disco avviabile con freedos.( Esempio )

Ora siete pronti a inserire il file sulla chiavetta, questo deve essere già scompattato e deve contenere solo il file necessario, come in questo caso.

A questo punto basta entrare nel bios e con l’utility apposita, nel caso della mia Asus si tratta di ez flash 3, selezionare il file dentro la chiavetta e far partire l’aggiornamento.

Questa pratica è molto facile ma anche molto rischiosa, quindi consiglio di farla sempre con attenzione e per nessuna ragione al mondo bisogna scollegare il pc mentre si sta flashando.

-Prima di iniziare consiglio di fare già uno stress test con intel burn test in versione high, tenendo monitorate le temperature e aprendo cpu-z per vedere se la cpu funziona al 100 % e a quanto arriva il voltaggio. Questo per rendersi conto che non ci siano problemi di temperature prima di iniziare, altrimenti bisogna controllare che il dissipatore sia attaccato bene o semplicemente cambiare la pasta termica che potrebbe essere secca o stata messa male.

Modificato da Guatayabas
Link al commento
Condividi su altri siti

Impostazione valori per primo overclock:

 

Nella sezione Ai Tweaker modifichiamo queste impostazioni:

-Asus multicore enhancement: Disable, questa impostazione è utile senza overclock attivo.

Cpu core ratio: Sync all core, sincronizza tutti i core alla frequenza stabilita.

Core ratio limit: 44, impostare 44 giusto per iniziare, ricordarsi sempre di premere invio dopo aver immesso il numero altrimenti alcune volte potrebbe non salvarlo.

BCLK Frequency: DRAM Frequency Ratio: 100: 100 cosi si utilizza le ram a frequenze classiche.

Cpu Core/Cache Current limit max.: 255.50 impostare sempre il massimo in caso di overclock.

Min. CPU Cache Ratio: 8 è il moltiplicatore della cache, quando la cpu è a riposo, funziona solo con i risparmi energetici attivi.

Max CPU Cache Ratio: 42 impostare il massimo a cui può arrivare la cache, quando si trova la stabilità si tenterà di portale allo stessa frequenza del core ratio.

CPU Core/Cache Voltage: Manual Mode, in questo modo il vcore rimane fisso al valore che gli avete assegnato. Non lasciarlo assolutamente in auto.

-CPU Core Voltage Override: 1.250 è il valore da impostare, fate bene attenzione al suo valora, non deve essere mai sopra al 1,35 per un uso daily.

Foto1, foto2, foto3

Ora nella sezione External Digi+ Power Control che è sempre in Ai Tweaker bisogna cambiare:

Cpu Load-line Calibration: Level 5,nella mia asus il valore è compreso tra 1 e 9,in altre potrebbe cambiare, è sempre consigliato un valore intermedio per un oc daily.

Cpu current capability: 130%

Cpu VRM switching frequency: Manual

Fixed Cpu VRM switching frequency: 400

Cpu Power Duty Control: Extreme

Cpu Power phase control: Extreme

Foto

Ora passiamo alla sezione Tweaker’s Paradise che si trova sempre in Ai Tweaker:

Fclk Frequency: Normal (800Mhz)è la frequenza del canale di comunicazione tra la cpu e il ring busche contiene cache L3 e controller Dram. Si può aumentare a 1000mhz  una volta trovata la stabilità

BCLK Spread spectrum: Disabled

Foto

Infine andiamo a togliere i risparmi energetici, per farlo bisogna andare nella sezione Advanced, poi cliccare su CPU Configuration e andare sotto sotto dove si trova CPU Power Management configuration, qui cambiamo questi 2 valori:

Intel SpeedStep: Disabled

CPU C states: Disabled

Foto

-Queste sono le impostazioni per fare un overclock sicuro in uso daily, come avete notato abbiamo disattivato i risparmi energetici che nella fase di test potrebbero dare un po di problemi. Questi parametri li riattiveremo dopo aver trovato la frequenza del core clock che desideriamo con il minor vcore possibile.

 

Test di stabilità:

 

-Ora possiamo procedere a testare la stabilità del nostro sistema. Prima di farlo vi consiglio sempre di salvarvi le impostazioni in un profilo nel Bios, giusto per comodità in caso di problemi. Poi salvare le modifiche e resettare. Foto, Foto

-Apriamo i programmi che utilizzeremo per lo stress test. Real temp(foto) per tenere controllate le temperature, cpu-z(foto) per tenere controllato il vcore e l’utilizzo della cpu, e per stressare la cpu ora utilizzeremo Intel burn test e come stress level mettiamo very high(foto).

-Lo stress test durerà all’incirca tra i 10 o 15 minuti se lo superiamo senza nessun tipo di problema di temperature o crash possiamo passare al prossimo passo.

In questa fase bisogna sempre tenere controllato le temperature e il vcore, quindi se non avete la possibilità di stare a computer non lasciate andare lo stress test, è sempre meglio stare li fino alla fine dei test le prime volte, quando non si conosce ancora come si comportano i propri componenti. Ovviamente bisogna evitare di usare altri programmi mentre si fa uno stress test, tenere aperto solo i programmi che ho menzionato.

-Se abbiamo passato lo stress test senza problemi possiamo decidere se aumentare la frequenza del core clock o rimanere con questa e diminuire quella del vcore. Per un uso daily con un i7 6700k solitamente si sta intorno ai 4,5 o 4,7Mhz di core clock.

-Ogni volta che cambiamo il core clock o il vcore dal Bios bisogna sempre ripetere uno stress test, esattamente come spiegato prima.

Questa procedura prosegue finchè non troviamo la più alta frequenza di core clock con il voltaggio minore, nel mio caso è stato appunto i 4,6ghz con un voltaggio di 1,250. Di più mi portava a voltaggi troppo elevati per il mio sistema di dissipazione e la mia cpu. Il mio consiglio comunque è quello di cercare di tenere sempre i voltaggi più bassi possibili, è vero che fino a 1,35 per uso daily si dice che non succeda niente, ma stare di più sui 1,25 di certo non gli fa male.

-Ovviamente incapperemo in problemi durante le nostre prove, altrimenti non riusciremo a capire qual è il nostro limite. Quindi se ci capita qualche semplice errore nel bench che ci dice che non è possibile passare il test basta alzare il vcore di 0,005. Mentre se andiamo incontro a Bsod o non riusciamo nemmeno a far partire il sistema operativo bisognerà aumentare il vcore di almeno 0,010.

35kuy6g.png

 

-Io per esempio sono arrivato a 4,7Ghz con 1,275 di vcore e per arrivare a 4,8Ghz con 1,34 di vcore ho dovuto aumentare molte volte il vcore prima di trovare la stabilità. All’inizio dato che mi dava problemi appena facevo partire lo stress test, ovvero mi dava Bsod e mi si riavviava il pc, aumentavo di 0,010 il vcore alla volta, poi quando lo stress test ha iniziato a darmi problemi più semplici, ho aumentato di 0,005 alla volta fino a raggiungere i 1,34.

-Quando siamo arrivati al momento tanto atteso, con la frequenza del core clock da noi desiderata, in cui lo stress test viene passato senza problemi bisogna convalidare questa stabilità con l’altro stress test un po più pesantuccio, Prime 95. Quest’ultimo bisogna utilizzarlo in small FFTs , questo è anche molto più lungo, quindi armatevi di pazienza perché con questo stress le temperature potrebbero aumentare un po di più rispetto a Intel Burn Test e quindi bisogna tenerle controllate.(foto)

Vi ricordo sempre che se abbiamo temperature elevate, che superano gli 80 gradi, o che cpu-z ci da un valore di vcore troppo alto rispetto a quello che avevamo impostato noi di stoppare immediatamente lo stress test e di ricontrollare le impostazioni del bios.

Se lo stress test non si passa come prima bisognerà aumentare di uno step alla volta il vcore per arrivare alla stabilità. Se invece si incappa in temperature tropo elevate bisognerà diminuire il core clock e di conseguenza anche il vcore.

Se invece lo stress test l’abbiamo passato ora possiamo attivare il profilo x.m.p delle ram che si trova sempre in Ai Tweaker:

Ai Overclock Tuner: XMP

Ripetere lo stress test e se non ci sono problemi si può aumentare l’Fclk a 1000mhz, questo solitamente da un bust prestazionale del 2 o 3 %. Per farlo basta andare sempre in AiTweaker, poi in Tweaker paradise.

FCLK Frequency: 1ghz.

Ora bisogna di nuovo ripetere lo stress test e se non ci sono problemi si può aumentare il valore massimo del cache ratio, sempre di 100mhz alla volta fino ad arrivare al massimo alla frequenza del core clock. Per farlo basta andare in Ai Tweaker e cambiare il numero della cache in quello che si desidera, considerando sempre che va moltiplicato al bclk.

Max Cpu Cache Ratio: 44, questo numero è indicativo, comunque mai superare il core clock.

Ripetere lo stress test e se non ci sono problemi riattiveremo anche le funzioni di risparmio energetico che abbiamo disabilitato precedentemente, ovvero il cstate e l’intel speedstep. Per farlo basta andare in Advanced, CPU configuration e infine in CPU Power management configuration.

Intel Speedstep: Enabled

Cpu C states: Enabled

Cpu C7 report: Cpu C7s

Package C State limit: C7s

Quindi ripetere nuovamente lo stress test e se tutto va bene abbiamo il nostro overclock per uso daily pronto all’uso.

Il sito Pc-gaming.it e l’autore di questo thread non si prende alcuna responsabilità per eventuali danni causati dall’overclock. Un minimo di rischio c’è sempre e come già vi ho detto sta a voi agire con cautela e informarvi bene prima di cambiare impostazioni che possono provocare danni alle vostre componenti.

Questa guida è stata scritta con l’intento di dare una mano a chi si vuole cimentare in questa pratica, ed è frutto della mie esperienze personali, chiunque voglia integrare o dare una mano ad ampliare questa guida è ben accetto.

Modificato da Guatayabas
Link al commento
Condividi su altri siti

  • Ezyy unpinned this discussione

Unisciti alla conversazione

Puoi rispondere ora e registrarti più tardi. Se hai un account, Accedi Ora per rispondere con il tuo account.

Ospite
Rispondi a questa discussione...

×   Hai incollato il contenuto con la formattazione.   Rimuovere la formattazione

  Sono consentiti solo 75 emoticon max.

×   Il tuo collegamento è stato incorporato automaticamente.   Mostra come un collegamento

×   Il tuo contenuto precedente è stato ripristinato.   Pulisci l'editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

 Condividi

  • Discussioni Simili

    • Scelta componenti per i5-10400

      Salve, vorrei assemblare un PC discreto anche per il gaming, attualmente sono in possesso di una CPU intel i5-10400 (regalatami) e vorrei partire proprio da questa, posseggo anche un SSD samsung da 500gb (attualmente montato su quello che sarà il mio vecchio PC :). Per quanto riguarda la scheda madre avevo pensato ad un Asus z490-P oppure alla MSI MPG z490 Gaming PLus. Dato che queste schede sono utili per i processori iIntel serie K mi consigliate di virare su un modello diverso? tipo la s

      in CPU, Schede Madri e RAM

    • Impossibile aggiornare windows 10

      Salve a tutti Ho un problema abbastanza serio con gli aggiornamenti di Windows, sono mesi che i miei due computer mi avvisano della disponibilità di aggiornamenti, ma ENTRAMBI i computer non riescono ad aggiornare. Ho scritto "problema abbastanza serio" perchè di recente sul mio laptop è arrivata la notifica della disponibilità di aggiornamenti importanti per la sicurezza di windows, ma ovviamente non riesco ad aggiornare 😄 Qualcuno di voi ha gli stessi problemi?   Come

      in Problemi tecnici

    • Thermal Throttling e basse prestazioni MSI GF65

      Salve a tutti, ho un computer MSI GF65 9SEXR I5-9600h 2.40 GHZ, RTX 2060, 8 GB RAM 1x8. Durante le sessioni di gioco raggiunge i 90-95° della CPU e 86° fissi della GPU. Ho notato utilizzando msi afterburner che quando raggiunge queste temperature il clock della gpu e della cpu si bloccano a numeri ridicoli portandomi a scarse prestazioni. Il portatile è ancora in garanzia e quindi voglio evitare di smontarlo per non perderla. Ho questa base di raffreddamento. Ho già prov

      in Problemi tecnici

    • Scelta componenti: RAM e case - Corsair Vengeance Carbide 275R

      Salve a tutti, Sto cominciando ad acquistare un po' alla volta le varie componenti per un pc Gaming, senza troppa fretta per sfruttare inoltre eventuali offerte che un po' alla volta troverò per il web. Al momento possiedo: -MSI RTX 2060 -processore Ryzen 5 5600X   Sto seguendo un po' la build proposta nel forum con budget 1500 euro (in futuro potrei decidere di cambiare la GPU quando i prezzi saranno più sensati) Scheda madre MSI MAG B550M MORTAR Wi-Fi Pr

      in PC Completi

    • Upgrade i5 7600K e RX 580

      Salve a tutti, possiedo un pc con cpu intel i5 7600k, 16 gb di ram, e scheda video amd radeon rx 580 4gb, volevo sostituire cpu e scheda video con prodotti più performanti, che cosa mi consigliereste senza sostituire scheda madre? Grazie anticipatamente a tutti.

      in CPU, Schede Madri e RAM

×
×
  • Crea Nuovo...