Con i prezzi delle terre rare che sta crescendo, lo stesso succederà ai prodotti di elettronica

Condividi su facebook
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp
Condividi su email

Pare che il prezzo dei prodotti di elettronica sia destinato ad aumentare ancora. Come se la pandemia, i problemi di trasporto via mare, i minatori di criptomonete non bastassero, adesso ci pensa l’aumento di prezzo delle terre rare a peggiorare la situazione.

Nikkei ha infatti riportato che il prezzo di molte delle terre rare sono aumentati in percentuali alquanto spaventose rispetto all’anno scorso, più del 50% nella maggior parte dei casi. Ad esempio, il neodimio e il suo cugino meno conosciuto praseodimio sono aumentati del 74%.

Il prezzo del litio è invece aumentato del 150%, in quanto la sua domanda per la fabbricazione di batterie per veicoli elettrici e accumulatori per la rete elettrica è aumentata enormemente negli ultimi mesi, così come il rame è aumentato del 37% e lo stagno, usato per le saldature, dell’82%.

Il neodimio e il praseodimio sono usati un po’ ovunque, dagli altoparlanti, ai motori elettrici dei veicoli elettrici, alle turbine del vento, ciò significa che la domanda di questi materiali continuerà a crescere per via di molti governi che stanno attuando politiche ecologiche, come tentare di passare ai veicoli elettrici e alla generazione di energia elettrica tramite fonti rinnovabili a discapito dei combustibili fossili.

Anche l’ossido di terbio, usato nei LED, display piatti e pile a combustibile, è aumentato del 60%. Persino l’alluminio nella sua innocenza è aumentato di un preoccupante 55%.

La Cina controlla il 55% del mercato globale per quanto concerne le terre rare, e dell’85% per quanto riguarda i processi di raffinazione. Il governo ha poi metto controlli più stretti sull’esportazione di questi materiali, che è una delle ragioni degli aumenti di prezzo. Forse questa cosa è stata fatta per le recenti dispute sugli scambi commerciali con gli Stati Uniti d’America, tuttavia sta colpendo indiscriminatamente tutto il mercato globale.

Questa mossa sta tuttavia danneggiando allo stesso modo i produttori cinesi stessi, in quanto l’aumento di prezzo sta logorando i loro profitti, poiché in molti casi hanno firmato contratti a lungo termine con altre aziende partner e pertanto non possono negoziare i prezzi così facilmente. Ciò potrebbe costare caro ad aziende piccole e medie, portandoli alla bancarotta, mentre alle aziende grandi questo non accadrà, in quanto potranno aumentare il prezzo finale all’utenza senza problemi per rifarsi delle spese più alte.

Al momento, un’azienda come Sonos ha già aumentato il prezzo dei propri altoparlanti, con un aumento che varia da $10 a $100, a seconda del prodotto. Naturalmente Sonos non sarà l’unica azienda a farlo, e sarà questione di tempo prima che altre si uniranno.

Potrebbero Interessarti

Cosa ne pensi? Condividi e commenta

Condividi su facebook
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp
Condividi su email

Lascia un commento

Potrebbero Interessarti

Migliori Webcam per PC Streaming | Settembre 2021

Le webcam sono passate dall’essere un oggetto utile solo ad alcuni a diventare essenziali per una larga fetta della popolazione: fra DAD e riunioni lavorative …

Ryzen 3000

AMD Ryzen 3000 – Specifiche, prezzo e benchmark di tutta la lineup

Nella scelta del miglior processore per il proprio PC analizzare le varie proposte della gamma Ryzen 3000 è un passaggio essenziale. La line-up di processori …

Migliori case PC da gaming

Migliori case PC Gaming | Quali comprare e come sceglierli – Settembre 2021

Scegliere un case per PC non è facile, le caratteristiche di cui tenere conto sono tante, ed è quindi difficile capire se il case PC …

PS5 vs Xbox Series X vs PC: Qual è la migliore?

Dopo una generazione che, almeno a livello hardware, è stata un po’ una delusione, un PC di fascia media poteva tranquillamente superare le prestazioni di …

Hai domande o vuoi una build personalizzata? Contattaci