ASUS RX 480 ROG STRIX 8 GB – Recensione




Introduzione

Dopo il rilascio e recensione della versione reference della Radeon RX 480 durante lo scorso giugno, quest’oggi  è il giorno di recensire l’ASUS RX 480 ROG STRIX.

rx_480_rog_strix_recensione_02

La RX 480 è basata su Polaris, la GPU con nome in codice Ellesmere è prodotta con il processo produttivo a 14nm ed è dotata di 2304 Stream Processor, 144 TMU, 32 ROP e 8 GB GDDR5.

Questa versione ha un frequenza uguale al modello reference, nello specifico di 1266 MHz e come alimentazione aggiuntiva è necessario un singolo connettore a 8-pin.

rx_480_rog_strix_recensione_03

Il dissipatore DirectCU III utilizza una soluzione a tripla ventola con tecnologie 0dB, che aumenta del 105% la pressione statica sul dissipatore ed offre un raffreddamento migliore del 30% nel gaming oltre ad una silenziosità tripla rispetto alla versione reference. Inoltre sono presenti una serie di LED RGB anche sul backplate per offrire un’illuminazione personalizzabile con milioni di combinazioni cromatiche e sei diversi effetti luminosi.

rx_480_rog_strix_recensione_04

Le uscite video sono: due HDMI 2.0b, due DisplayPort 1.4 e una DVI dual link. La DisplayPort 1.4 supporta le più recenti e future risoluzioni tra cui: 1080p @240Hz, 1440p @240Hz, 4K @120Hz o perfino 1440p @190Hz “ultrawide”. Viene inoltre supportato l’HDR e codifica/decodifica hardware per la registrazione 4K utilizzando il codec H.265.

rx_480_rog_strix_recensione_05

Sulla RX 480 STRIX sono presenti due connettori a 4-pin per collegare due ventole aggiuntive e sincronizzare gli RPM con quelli della scheda video.

Categorie
RecensioniRecensioni HardwareSchede video
Matteo Carrara

Appassionato di videogiochi e hardware fin da piccolo, legato in particolare alla saga di Mass Effect.

ARTICOLI CORRELATI