Introduzione

La serie Far Cry, fin da quando è stata creata dall’allora neonata Crytek, è sempre stata un sinonimo di qualità grafica all’avanguardia, ambientazioni mozzafiato e da cartolina, e Far Cry 5 fortunatamente non fa eccezione. La grafica di Far Cry 5, mossa dal motore Dunia, è infatti veramente un gioiello (ma a livello fisico nettamente inferiore al secondo capitolo), e a questo giro è ambientato nello Stato del Montana degli Stati Uniti d’America. Le vallate verdi e rigogliose, accompagnate dalla quiete di un lago o di un corso d’acqua, con lo sfondo una catena montuosa, sono semplicemente sublimi da ammirare mentre si è in gioco.
La domanda che cercheremo di dare risposta in questa sede è: Ma tutto questo ben di Dio, quanto costa in termini di prestazioni?

Comparto tecnico, Impostazioni e Requisiti di sistema

Duole dirlo, ma Far Cry 5, sebbene giri comunque bene, con le dovute eccezioni che spiegheremo, è un titolo pesantuccio, e tale bellezza ha infatti un costo abbastanza elevato.
I requisiti ufficiali del gioco sono i seguenti:

Requisiti Minimi:

  • Richiede un processore e un sistema operativo a 64 bit
  • Sistema operativo: Windows 7 SP1, Windows 8.1, Windows 10 (versione 64-bit)
  • Processore: Intel Core i5-2400 @ 3.1 GHz o AMD FX-6300 @ 3.5 GHz o equivalente
  • Memoria: 8 GB di RAM
  • Scheda video: NVIDIA GeForce GTX 670 o AMD R9 270 (2GB VRAM con Shader Model 5.0 o migliore)
  • DirectX: Versione 9.0c
  • Rete: Connessione Internet a banda larga
  • Memoria: 40 GB di spazio disponibile

Requisiti Massimi:

  • Richiede un processore e un sistema operativo a 64 bit
  • Sistema operativo: Windows 7 SP1, Windows 8.1, Windows 10 (versione 64-bit)
  • Processore: Intel Core i7-4770 @ 3.4 GHz o AMD Ryzen 5 1600 @ 3.2 GHz o equivalente
  • Memoria: 8 GB di RAM
  • Scheda video: NVIDIA GeForce GTX 970 o AMD R9 290X (4GB VRAM con Shader Model 5.0 o migliore)
  • DirectX: Versione 9.0c
  • Rete: Connessione Internet a banda larga
  • Memoria: 40 GB di spazio disponibile

Con molta probabilità, visti i risultati dei benchmark, che potrete vedere nell’apposita sezione, questi requisiti sono proprio in bilico, nel senso che con i requisiti consigliati lo si può giocare a 60fps, ma con alcuni sacrifici grafici. Il gioco prevede 4 preset di base, Basso, Medio, Alto e Ultra. Le impostazioni che il giocatore potrà cambiare sono quelle mostrate nella foto sottostante, più naturalmente le impostazioni per cambiare la risoluzione, scegliere se giocare a schermo intero, in finestra o in finestra senza bordi, se abilitare o meno il Vsync, e con un cap dei frame. È anche presente l’HDR, per i fortunati possessori di un monitor che possiedono tale tecnologia.

Da notare che tutte queste impostazioni possono essere scelte da una rosa tra basso a ultra, ad eccezione della nebbia volumetrica, il livello del dettaglio del terreno e la qualità grafica dell’acqua, alle quali manca la qualità di tipo Ultra. Gli antialiasing presenti invece sono il TAA e il SMAA. Da notare che i filtri sono indipendenti dalla modifica dei preset.
Qualche impostazione da modificare in più, come la qualità delle texture, non sarebbe stato affatto male, ma ci si può accontentare.

Confronto tra preset

Globalmente, la resa grafica cambia poco tra un preset all’altro, e questa galleria è qui a dimostrarlo. Le differenze più lampanti ed evidenti sono insite soprattutto non tanto nella qualità della vegetazione, che rimane sempre alta, piuttosto quanti dettagli vengono caricati in base alla distanza. Anche i riflessi dell’acqua cambiano drasticamente tra basso e medio, molto meno tra medio e alto, mentre i riflessi delle superfici lucide a basso e medio sono addirittura praticamente assenti.

Comparazione Alto - Ultra
Comparazione Medio - Alto
Comparazione Basso - Medio
Comparazione Ultra - Basso

Performance

Far Cry 5 offre un tool interno adibito al benchmark, in cui prevede una lunga scena scriptata in un ambiente controllato, ed è anche possibile generare dei report alquanto minuziosi, che forniscono non solo i frame minimi e massimi toccati, ma anche quanta VRAM è stata occupata. Naturalmente ciò che avviene in benchmark è molto differente rispetto a ciò che accade in un titolo open world, soprattutto del calibro di Far Cry 5, dove gli spawn delle entità possono generare una marea di situazioni differenti, ma dopo qualche test possiamo dire che nel bene o nel male i risultati forniti con lo strumento del benchmark sono alquanto in linea con quelli ottenuti giocando normalmente.

Questi sono I risultati forniti da tale tool, con la nostra configurazione di prova (un Intel i5 4690k, una Nvidia GTX 980 con 4Gb di VRAM e 16GB di RAM). Da notare che per il preset basso abbiamo appositamente tolto il filtro antialiasing, mentre per i restanti preset abbiamo optato per tenerlo su TAA.

Come si può vedere, i risultati confermano la nostra precedenze affermazione che nonostante tutto Far Cry 5 è un titolo pesante da digerire per la propria scheda video (ma soprattutto per la CPU). La stretta forbice di fps tra i preset minimi e massimi sta a significare che il gioco offre poco spazio alla personalizzazione in termini di prestazioni. Per chi è abituato ai 60fps massimi e ha un PC sufficientemente potente da farlo girare, non avrà alcun problema, per chi ha monitor con un refresh rate maggiore potrebbe essere un duro colpo.
Il gioco, perlomeno, gira in maniera fluida con pochissimi cali di frame (lo stuttering costante di Far Cry 4 prima della patch sono solo un brutto e lontano ricordo), ad eccezione di situazioni in cui sono presenti grandi esplosioni, in quel caso per un paio di secondi il frame rate cade vistosamente anche sotto i 30fps, ma queste “grandi esplosioni”, che di solito coinvolgono due o più barili esplosivi, sono meno rare di quanto non sembri, nonostante tirare candelotti di dinamite a destra e a manca sia all’ordine del giorno (ed è davvero divertente).
Tuttavia, ci sono delle rare occasioni, apparentemente casuali, in cui il gioco si blocca per parecchi secondi. Sono momenti dove il videogiocatore più stagionato capirebbe subito che il gioco è crashato, e abbattuto aspetterebbe la finestra di errore di Windows sulla mancata risposta da parte dell’applicazione. Ma in tutte le volte che tale occasione si è presentata, è bastato aspettare pazientemente perché il gioco riprendesse esattamente da dove si era “fermato”, come se nulla fosse successo. Per rendere conto di quanto comunque sia un evento tutto sommato raro, lo avremo riscontrato in media una volta ogni due-tre ore di gioco.
In ogni caso, il gioco non è esente da crash, sebbene a noi personalmente non sia mai successo in quasi 15 ore di gioco, qualche altro utente non è stato così fortunato.

Conclusioni

Far Cry 5 è sicuramente un gran bel vedere a livello visivo, ma tale bellezza ha un costo altuccio in termini di potenza computazionale necessaria, e se avete un computer con caratteristiche al di sotto dei requisiti le probabilità che possa girare anche solo lontanamente bene modificando le impostazioni tutte verso il minimo sono molto basse.
Se siete nel mezzo, giocare con impostazioni medie potrà esservi utile, mentre se avete un computer che va ben al di sopra dei requisiti anche raccomandati, invece, il gioco girerà quasi in maniera costante a 60fps, con gravi drop solo a seguito delle esplosioni più grosse (che sono comunque rare). Peccato sia comunque molto difficile spingerlo sopra i 100fps!

Prima di lasciarvi, vi lasciamo con una carrellata di screenshot presi tutti a dettagli Ultra!