Soundodger+ - Recensione 1

 

Il music game più ambizioso dell’ultimo momento dopo averci deliziato nella sua versione free sul browser, debutta su Steam con una versione rivista e migliorata.

Il gameplay è abbastanza semplice, ci si muove solo con il mouse in un area di gioco che ricorda vagamente un disco, a ritmo di musica ci verranno sparati dall’esterno dell’area dei “proiettili” che possono spaziare a semplici triangolini, quadretti a ricerca che ci possono seguire lungo l’area di gioco per un po’ di tempo oppure vere e proprie sfere di dimensioni consistenti; il nostro compito sarà quello di schivarli, prenderli in pieno comporterà un aumento improvviso di velocità del disco che ci negherà l’occasione di fare punti in quel momento, essi saranno calcolati in percentuale in base alla durata del brano che ci verrà proposto, proprio come un disco in vinile su di un giradischi ci è data la possibilità di poter rallentare l’azione tramite la pressione del tasto sinistro del mouse. 

Questa abilità anche se ci aiuterà nei momenti più concitati ha un difetto: non permette di guadagnare punti in quel momento che viene utilizzata, se da un lato eviteremo di perdere punti dall’altro non possiamo guadagnarne e questo vuol dire perdere secondi preziosi, man mano che si guadagnano punti completando i livelli se ne sbloccheranno altri. Non c’è una vera e propria difficoltà a piramide, a volte capitano brani semplici da ritmi lenti e altre volte da vera e propria sfida all’ultimo riflesso (e ne servirà davvero tanto in quelle situazioni).

gaming_soundodger_3

Lo stile grafico è impostato su un setting minimalista ma funzionale a ciò che richiede il tipo di gameplay, ogni livello è un turbinio di colori accompagnati dalla musica, a più riprese ci è capitato di avvertire la sensazione come se la musica ci attaccasse con il suo ritmo, il grado di coinvolgimento di questo titolo e le emozioni che fa provare nel giocarlo sono un qualcosa di indescrivibile, un buon mix di musica e design.

Ma passiamo a una parte cruciale del gioco, ciò che rende veramente speciale questo titolo: le musiche, sono 42 e veramente ben fatte e varie, complice anche il fatto che vi spiccano artisti di alta qualità come Disasterpeace che ci ha stupito su Fez o Austin Wintory, compositore di Journey; ogni traccia ha un suo stile e ritmo unico, difficilmente vi capiterà di fare confusione tra un brano e l’altro (e c’e ne sono veramente tanti).

soundodger+1

Editor

Un altra aggiunta molto interessante in questa versione plus è l’editor, grazie al quale tramite semplici passi potremo creare i nostri livelli su misura con musiche personali; un piccolo appunto, i brani mp3 sono supportati ma il gioco richiede un particolare tipo di encoding del suono, preferibilmente a 44,100hz, come brani di prova abbiamo usato la musica campione di Windows 7, delle 3 musiche testate da noi, una non era compatibile per via di questo problema;  il ventaglio di personalizzazione e opzioni dell’editor è veramente vasto, potremo modificare l’andamento orario dell’area di gioco, rallentarla, velocizzarla, personalizzare i colori dei proiettili o del tema, la velocità stessa dei proiettili e le loro dimensioni. I livelli creati da noi potranno essere condivisi con la community e potremo a nostra volta giocare a quelli creati dagli altri utenti. Per chi non vuole scervellarsi con l’editor può usufruire della funzione auto-gen che provvederà a creare automaticamente un livello con una traccia personale, usando sempre le musiche campione di Windows i risultati ottenuti variano da un ottima sincronia di bassi a melodie non sempre azzeccate per via di strumenti usati nel brano non adatti alle meccaniche di questo gioco, come il flauto o violino.

soundodger+3

Tutto perfetto, o forse no?

Purtroppo non tutto è oro quel che luccica, per quanto le musiche abbiano un ritmo incalzante non sempre il gameplay ne segue l’esempio, più volte in alcuni livelli non abbiamo sentito quella sensazione di ritmo voluta dal gioco, stesso discorso per l’andamento dei proiettili, se in alcuni livelli sono delle vere e proprie coreografie artistiche, in altri sembra che siano stati sincronizzati e indirizzati in fretta e furia per motivi di tempo, creando non poca frustrazione al giocatore.

In conclusione

A parte i piccoli problemi riguardo ad alcuni livelli meno curati forse per motivi di natura organizzativa o tempistica ci ritroviamo dinnanzi a un music game veramente innovativo nel suo genere, tenta nell’impresa di distaccarsi dai soliti standard e ci riesce dannatamente bene, offrendoci un gameplay veramente fresco e immediato con una vasta scelta di brani di ottima qualità, con un prezzo irrisorio ci viene offerto un titolo ricco e completo nei suoi contenuti con una longevità molto alta grazie all’editor e al supporto della community.

Commento Finale

8,5

Non importa se non siete amanti del genere, Soundodger+ vi ammalierà comunque.

Facebook Commenti
Loading...