Thermaltake, azienda con sede a Taipei è ormai nota per i suoi prodotti di alta qualità in campo informatico, riuscendo a soddisfare diverse fasce di utenza.

Oggi andremo ad analizzare il nuovo mouse da gioco Thermaltake Nemesis Switch RGB targato series eSports.

Il mouse Nemesis è ben stipato all’interno di una scatola a libro dove è possibile una volta aperta, vedere il mouse al suo interno e delle note sulle specifiche del nostro dispositivo.

SPECIFICHE

Il Thermaltake Nemesis Switch RGB è equipaggiato con un sensore ottico PIXART PWM-3360 per un massimo di 12000 DPI e dodici tasti OMRON completamente programmabili e garantiti per 50 milioni di clic, per adattarsi facilmente a qualsiasi genere di gioco, sia esso FPS – RTS – MOBA o MMO, grazie anche all’esclusivo sistema a chiave brevettato per la gestione dei tasti.

Con un design ricercato il Thermaltake Nemesis Switch RGB si adatta perfettamente a qualsiasi tipo di mano senza interferire nel confort.

Al tatto ci rendiamo subito conto della solidità e qualità dei materiali, donandoci una sensazione di sicurezza e durabilità nel tempo senza tralasciare il confort.

Equipaggiato con un sistema di illuminazione RGB da 16.8 milioni, possiamo personalizzare i colori a nostro piacimento grazie agli otto effetti disponibili e alla retroilluminazione a tre zone, permettendoci così di rendere unico il nostro Nemesis Switch.

L’illuminazione e altre funzionalità come il controllo dei pulsanti, la selezione dei profili, le MACRO e i colori sono comunque facilmente gestibili tramite software TT eSports Command Center Pro, scaricabile gratuitamente dal sito.

Tutto è studiato per non lasciare niente al caso, il sensore ottico PIXART PWM-3360 garantisce un rilevamento preciso anche impostando il valore massimo di DPI, il cui range varia da 400 fino a 5000 di default, fino ad un massimo di 12000 in overdrive mode.

Non abbiamo riscontrato ritardi o perdite di segnale durante il gioco nemmeno nei momenti più concitati.

Come accennato in precedenza, questo mouse è studiato per il massimo confort riuscendo ad adattarsi a qualsiasi tipo di mano o impugnatura e grazie agli interruttori OMRON ogni clic è ben bilanciato nella forza.

Con i suoi 16 tasti programmabili e la possibilità di memorizzare fino a 5 profili differenti tra MACRO, DPI e illuminazione, il Thermaltake Nemesis Switch RGB si è dimostrato un affidabile compagno garantendo ottime prestazioni.

Conclusione

Concludendo, il Nemesis ci ha impressionato per la sua grande adattabilità, sia a livello ergonomico che di impostazioni, offrendo la possibilità di salvare i settaggi più adatti al nostro utilizzo grazie alla memoria integrata.

I tasti sono disposti in maniera tale da risultare difficile sbagliarsi anche per chi ha mani di piccole dimensioni, e non abbiamo avuto difficoltà a raggiungere la tastiera sul lato sinistro.

Molto comodo anche il poggia dito che evita al pollice di andare a sfregare sul tappetino.

Un sistema di illuminazione RGB da 16.8 milioni di colori disposta su tre zone distinte e completamente personalizzabili con diversi effetti luce, un sensore ottico incredibilmente reattivo e preciso, ben 12 tasti programmabili singolarmente tramite software gestionale per una piena e coinvolgente immersione, rendono il Thermaltake Nemesis Switch RGB  un interessante scelta da prendere in considerazione.

Alphacool Eisberg 240 CPU - Recensione 17

Valuta