Buio
Apro gli occhi e vedo mio figlio, spada in mano pronto ad attaccarmi. Lancia un fendente proprio all’altezza della spalla, ma paro senza problemi e lo spingo via. Riparte l’attacco , nonostante la sua tenacia il colpo mi manca ancora una volta. Basta allenamenti per oggi, lo congedo amorevolmente e mi dirigo verso le sale interne del castello.

Buio
Mi trovo abbracciato alla mia sposa, che mi chiede ancora una volta di andar via da qui in cerca di un posto più tranquillo dove far crescere Dirhael.

Buio
Il castello è sotto attacco. Grossi Uruk-hai entrano nella sala sfasciando tutto ciò che incontrano nel loro cammino. Il panico dilaga. Chi prova a scappare muore. Chi cerca di nascondersi alla loro furia muore. Chi difende la propria vita muore.

Buio
Io e la mia famiglia siamo in ginocchio. Mani legati dietro la schiena. Il capo degli orchi inizia a recitare blasfeme formule magiche, mentre taglia la gola dei miei affetti più cari di fronte ai miei occhi. Non sono stato capace di proteggerli, ed ora tocca a me. Sento il freddo acciaio affilato scorrere sul collo mentre una cascata rossa fuoriesce dal taglio profondo. Fra poco raggiungero i miei cari nell’aldilà.

Buio
Apro gli occhi. Non capisco dove sono ed i ricordi sono confusi. Poi appare Lui, fantasma di un potente elfo, anch’egli afflitto dalla mia stessa maledizione. Perché noi non possiamo morire. Non possiamo abbandonare questo inferno che si è abbattuto sulle nostre terre. Noi torniamo sempre a camminare tra i vivi.

Buio
C’è un solo modo per annullare la maledizione mi spiega. Uccidere il mago che l’ha lanciata, e questo mago ha un nome: Saruman.

Buio
Dalla cima della torre sulla quale ci troviamo, ho la visuale su tutto ciò che ci circonda. Vedo uomini fatti schiavi dalle tribù orchesche. Vedo Uruk-hai trucidare quelli della mia razza per puro piacere sadico. La vista infernale che mi si para davanti fa ribollire sangue ed odio. Ma io sono Talion, capitano dei ranger di Gondor, ed ho una missione. Ripulire la feccia verde e giungere al cospetto del loro capo, Saruman, a reclamare la mia vendetta.

ShadowOfMordor 2014-10-07 21-47-21-30

L’incipit di Shadow of Mordor è sicuramente plateale quasi quanto la saga cinematografica tratta dalla serie di romanzi fantasy dello scrittore sudafricano JRR Tolkien. Questa sensazione però non si ferma ai video introduttivi del gioco, ma viene portata avanti anche nel corso della nostra avventura nella terra di mezzo. Appena si prende possesso del protagonista , abbiamo subito modo di saggiare lo stile di combattimento presente in SoM. Gli scontri con uno o più nemici, quasi sempre nell’ordine delle dozzine, sono puliti nei controlli e facili da imparare, donando all’azione uno contro tutti un fascino ed un piacere visivo, che solo i combattimenti della saga Batman Arkham, ci hanno saputo regalare negli ultimi anni. In realtà questa somiglianza non è casuale, in quanto il sistema di combattimento di SoM ricopia di pari passo il free flow combat system sviluppato da Rocksteady, e già visto nei titoli del crociato mascherato di Gotham.

ShadowOfMordor 2014-10-06 18-41-10-82

Se dal punto di vista dell’innovazione ciò potrebbe far storcere il naso, in realtà la scelta risulta adatta per il tipo di gioco e gameplay che SoM vuole regalare ai propri avventurieri. Il tutto si svolge come una sorta di combattimento a ritmo, dove dovremmo avere il giusto temposmo per attaccare, o per difenderci e contrattaccare i fendenti nemici, finendo gli aggressori con eventuali combo o finisher particolari, che oltre a decapitare i pelleverde in un tripudio di sangue, ci permetteranno inoltre di interrogarli per ottenere preziose informazioni sui capi tribù;  che risulteranno utili per scoprire i loro punti deboli e sfruttarli a nostro vantaggio.

ShadowOfMordor 2014-10-06 21-52-20-51

Purtroppo le somiglianze con altri titoli famosi nel panorama videoludico non finiscono qui, dal momento che anche tutto il sistema di movimento ed interazione con l’ambiente prende “ampio spunto”  dalla saga Assassin’s Creed, ma anche in questo caso la somiglianza di meccaniche risulta coerente con l’intenzione degli sviluppatori di creare un gioco fluido dal punto di vista del gameplay, che non spezzi il momentum creato dal giocatore con meccaniche troppo complesse.

ShadowOfMordor 2014-10-07 14-56-10-22

Per fortuna ci sono anche novità molto interessanti introdotte in questo Shadow of Mordor, prima fra tutte è il sistema Nemesis. Dall’alba videoludica siamo stati abituati a sconfiggere boss e guadagnarne punti esperienza e nuove abilità. Shadow of Mordor ribalta questo concetto, permettendo anche ai nostri nemici di “expare” aumentando il proprio vigore in battaglia grazie alla nostra uccisione. Ogni volta che veniamo uccisi da un nemico, questi diventerà un po più potente, scalando la gerarchia militare nell’esercito della mano bianca; fino a diventare capitano o addirittura capo guerra. Risulta molto divertente, dopo esser stati uccisi da un pelleverde, tornare nella zona della battaglia per vendicarsi dell’onta subita. Questo però, unito alla miriadi di sottoquest e missioni secondarie, porta il giocatore a distrarsi fin troppo facilmente dall’obbiettivo della quest principale, rischiando di far risultare l’esperienza di gioco ripetitiva e priva di filo logico. Da questo punto di vista sta al giocatore riuscire a concentrarsi sulla missione principale per non cadere in tentazione di seguire una della tante (e spesso identiche) side-quest rischiando di rovinarsi l’esperienza complessiva di gioco.

ShadowOfMordor 2014-10-07 15-49-09-70

A questo problema di ripetitività se ne aggiunge un’altro purtroppo, che riguarda il mondo esplorabile in-game. Le prime ore infatti le passeremo in lande sconfinate, disseminate di avamposti orcheschi o accampamenti di schiavi, che risultano ripetitivi sin dalle prime missioni. La somiglianza tra le varie location risulta quindi un neo all’ambientazione data a Gondor, che sicuramente poteva godere di più carisma con un po’ più di attenzione e cura nel level design. L’esperienza di gioco rischia di esser rovinata però anche da un’altra pecca insita nel gameplay. Proprio a causa di questo level design piatto e fin troppo omogeneo, spesso il giocatore viene portato a dimenticare la natura stealth che dovrebbe celarsi dietro SoM, facendolo optare per un’approccio tattico aperto, che spesso si tramuta in un’infinità di nemici da freddare in sequenza, uccidendo l’idea intrinseca di ranger, ed anche un po’ il divertimento.

ShadowOfMordor 2014-10-06 19-21-21-81

Fortunatamente questa monotonia viene spezzata nella seconda parte dell’avventura. Primo motivo fra tutti è il cambio di zona di gioco. Si passa dalle sterminate miniere monocromatiche, a verdi vallate che meglio rispecchiano l’idea di mondo fantasy tolkeniano. Altra novità che aiuta a risollevare il gioco è l’introduzione di una nuova meccanica, che permette a Talion di controllare telepaticamente orchi ed uruk-hai. Anche quest’ultima peculiarità è una delle novità introdotte in Shadow of Mordor (se non contiamo il vecchissimo Messiah, gioco che basava il proprio gameplay su tale meccanica) che riesce a tenere viva l’attenzione del giocatore anche dopo le prime 7-8 ore di gioco, tempo speso per completare circa metà della campagna, ma ancora un monte ore basso per completare al 100% il titolo nella sua interezza.

ShadowOfMordor 2014-10-06 18-28-03-10

All’annuncio dei requisiti richiesti per la versione PC, in molti sono rimasti perplessi dell’esosità della potenza computazionale richiesta da Shadow of Mordor. La realtà dei fatti però è più rassicurante di quanto si pensasse. il PC col quale ci siamo avventurati nella lande di Gondor montava una CPU AMD 3.1ghz, 8gb RAM DDR3, ed una Gtx 770, e riusciva a mantenere i 30 FPS stabili con settaggi ultra a parte le texture. Sottolineamo che, provando il gioco con anche le texture al massimo del loro splendore, mentre gli FPS scendevano vertiginosamente, la qualità grafica non aumentava, facendo risultare vano lo sforzo della povera CPU che gridava pietà. Probabilmente con il pacchetto di texture ultra HD rilasciato da poco la situazione potrebbe cambiare, ma dubitiamo che siano in molti ad avere un rig di tale livello per poter godere appieno del miglioramento grafico. Punto a favore per gli sviluppatori, va detto, è che il gioco risulta altamente godibile, visivamente parlando, anche con settaggi grafici bassi, permettendo dunque a tutti, o quasi, di godere del lavoro artistico svolto dagli sviluppatori.

ShadowOfMordor 2014-10-08 21-10-54-58

 

Pro

  • Trama e personaggi di alta qualità

  • Il sistema Nemesis riesce a portare una ventata di aria fresca al genere

  • Una simpatica linea comica che accompagna il giocatore nel corso di tutta l’avventura

Contro

  • Troppe missioni secondarie che distraggono il giocatore non offrendo in più nulla alla trama principale

  • L’ambientazione è sottotono per la prima metà del gioco, rischiando di stufare il giocatore prima del dovuto

Commento Finale

8

L’Ombra di Mordor  risulta un gioco che, seppur con diverse lacune, può far passare alcune ore di divertimento al giocatore alla ricerca di un free-roaming fantasy con tanta azione ed una trama da produzione hollywoodiana. Purtroppo l’hype creatosi prima dell’uscita, ha reso il lavoro difficile per il gioco, che potrebbe deludere quanti si aspettavano il gioco rivelazione di fine anno. Probabilmente con qualche rifinitura in più sul mondo di gioco e una sistema di sidequest più vario, L’Ombra di Mordor  avrebbe potuto mirare a divenire da esempio da imitare

 

Facebook Commenti