A quasi un mese dal lancio ufficiale siamo finalmente riusciti a provare il Roccat Leadr. Questo nuovo gioiello è il primo vero mouse da gaming wireless di Roccat, combina gli ultimi ritrovati della tecnologia per offrire le migliori prestazioni senza far rimpiangere l’utilizzo del cavo. Come suggerisce il nome, vuole diventare il nuovo “leader” in questa categoria, ma vedremo se a conti fatti riuscirà ad esserlo.

Design

Roccat Leadr ha pressoché lo stesso design e layout del suo fratello con cavo Roccat Tyon, è abbastanza grande e misura 8 x 4.5 cm x 12.6 cm per 134 grammi di peso. La forma è studiata per i destrorsi e si adatta perfettamente a chi utilizza un impugnatura palm grip.

Quello che salta subito all’occhio è il gran numero di tasti disponibili, infatti il Leadr offre 14 pulsanti completamente programmabili ed una speciale “X-CELERATOR“. Quest’ultima posizionata nella parte sinistra del mouse, è una thumb paddle analogica ad asse singolo, può essere inclinata in qualsiasi direzione con una velocità regolabile per consentire alcune funzionalità avanzate impossibili per un semplice pulsante.

Al di sotto dei tradizionali tasti laterali è presente un pulsante dedicato che attiva la modalità Roccat Easy-Shift, questa permette di programmare una seconda funzione per ogni tasto, portando il totale a 28 comandi programmabili. Troviamo sotto alla rotellina un pulsante a doppia funzione facilmente accessibile, mentre altri quattro tasti programmabili sono posizionati di fianco a quelli principali del mouse.

Caratteristiche – WIRELESS SENZA COMPROMESSI

Pur essendo un mouse wireless, il Roccat Leadr riesce a garantire pressoché le stesse prestazioni di uno con cavo. Questo grazie a un polling rate di 1000 Hz e una trasmissione dati a 2,4 GHz che assicura zero ritardi e una latenza praticamente nulla.

Il nuovo sensore ottico OWL-EYE PixArt 3361 è ottimizzato per il Wireless, in grado di offrire fino a 12000 DPI con una velocità di 250 IPS e un’accelerazione massima di 50G. Il Leadr non ha nessuna modalità di risparmio energetico per evitare qualsiasi perdita di prestazioni, ma la batteria al litio integrata da 1000 mAh riesce a mantenere lo stesso un’autonomia di 20 ore circa.

Per ricaricare il mouse viene fornita una comoda base di ricarica dotata di LED di stato, estremamente solida con una superficie soft touch gradevole al tatto. Quando la batteria sta per scaricarsi è possibile collegare il mouse via cavo per continuare a giocare senza interruzioni.

Non poteva manca una retroilluminazione RGB che illumina la rotellina e il logo Roccat sul dorso, ovviamente personalizzabile tra 16,8 milioni di colori e diversi effetti luminosi avanzati.

Per elaborare i dati del sensore, controllare l’illuminazione e la trasmissione al computer, è presente un processore 32 bit ARM Cortex-M0 a 72 MHz.

Per avere il controllo totale su tutte le impostazioni, Leadr utilizza Roccat Swarm, un software di gestione universale per tutti i prodotti ROCCAT di nuova generazione. Utilizzando Swarm è possibile creare profili per singoli giochi, personalizzare la retroilluminazione, cambiare le impostazioni DPI, impostare macro e altro ancora.

Conclusioni

Roccat Leadr non è di certo alla portata di tutti con il suo prezzo di 150 euro, ma offre un mouse wireless da gioco dalle ottime prestazioni.

Il nuovo sensore ottico assicura precisione e reattività senza angle snapping e accelerazione in game, con risultati pressochè identici ad un mouse con cavo. La miriade di tasti programmabili oltre alla funzione easy shift sono ideali per i giocatori MOBA, MMO o a chi serve avere tante funzioni a portati di mano, mentre la humb paddle analogica è una caratteristica versatile e unica. La retroilluminazione riproduce fedelmente i colori ed è personalizzabile con il completo software Swarm.

Una comoda base consente di appendere e ricaricare istantaneamente il mouse e se necessario è comunque possibile usare il classico cavo.

Roccat Leadr è tra le migliore proposte da gioco wireless sul mercato e per certe caratteristiche si può considerare un vero è proprio “Leader”. Nel complesso è una valida scelta, un mouse dall’ottima qualità costruttiva, solide prestazioni e soprattutto con un gran numero di tasti programmabili e funzionalità uniche.

Alphacool Eisberg 240 CPU - Recensione 19