Chivalry Deadliest Warrior – Recensione

  Stanchi del solito FPS e volete provare una nuova esperienza videoludica? Non vi resta che provare Chivalry: Medieval Warfare o più precisamente il nuovo DLC Deadliest Warrior. Fin...
Chivalry Deadliest Warrior - Recensione 3




 

Stanchi del solito FPS e volete provare una nuova esperienza videoludica?

Non vi resta che provare Chivalry: Medieval Warfare o più precisamente il nuovo DLC Deadliest Warrior.

Fin dagli albori di questo videogioco siamo riusciti a sperimentare una nuova metodologia di vedere il multiplayer, grazie a dei veri e propri scontri non basati su fucili, armi da assalto e quant’altro, ma grazie a spade e scudi.

Questa nuova modalità di massacro, è stata talmente apprezzata dai giocatori, che gli sviluppatori hanno deciso di rilasciare un DLC con nuove aggiunte chiamato: Deadliest Warrior.

Che cosa porta di nuovo questo fantomatico DLC?

Molti pensano dell’inutilità degli stessi DLC atti ad aggiungere missioni, molte volte non essenziali, ma in questo caso dovremo dissentirci.

Infatti, non solo si aggiungerà mappe su cui sperimentare e mettere in atto la nostra forza distruttiva e uccidere in un bagno di sangue il nemico, ma avremo a disposizione anche armi che più si adattano ai nuovi personaggi.

Infatti questa sarà la novità fondamentale del contenuto aggiuntivo: i guerrireri utilizzabili.

Chivalry-Deadliest-Warrior-Combat-Viking-and-Viking-610x343

Avete mai pensato di infrangere la barriera dello spazio tempo?

Chi ama la storia avrà sicuramente sentito parlare della trasmissione Deadliest Warrior (tra cui prenderà nome lo stesso DLC) dove attraverso studi e ricostruzioni al computer riescono a far scontrare guerrieri appartenenti a epoche e periodi differenti.

Infatti preparatevi ad imbracciare un fioretto e combattere come pirati, o muovervi agilmente come ninja oppure mostrare tutta la brutalità dei vichinghi, oppure ricorrere a dei personaggi più “occidentali” come gli eroi greci o i templari.

Armi da lancio, armi da fuoco o corpo a corpo?

La bellezza del titolo risiede anche nella scelta delle armi che si deve necessariamente adattare ad ogni scontro, infatti saremo noi a dover a comprendere la miglior strategia per colpire e uccidere, e questo potremo capirlo attraverso un valido quanto ben strutturato tutorial che ci permetterà di conoscere al meglio quale arma utilizzare e quando.

Non è tutto oro quello che luccica.

Come abbiamo compreso fino a questo momento le numerose aggiunte che portano nuova freschezza al gameplay sono bellissime, ma purtroppo su una cosa dobbiamo dissentire: la grafica.

Pur impostando tutti gli effetti al massimo come per la risoluzione, il gioco in questo lato tende avere una limitazione consistente.

Pur trattandosi di un DLC non migliora la resa a livello visivo, creando quel vuoto che un titolo del genere non dovrebbe avere.

Grecia o Giappone?

Per quanto riguarda le nuove ambientazioni, quest’ultime sono molto varie, infatti impersonano il luogo di origine dello stesso eroe, trovandoci facilmente a dover combattere nell’antica Grecia per esempio, permettendoci di variare quella che per molti potrebbe rappresentare la monotonia dovuta al gameplay dopo ore di gioco.

Quest’ultime risulteranno essere comunque sia molto varie e la loro architettura e struttura permetteranno a tutte le possibili classi di trovare un punto favorevole per annientare l’avversario.

Chivalry-Deadliest-Warrior-Combat-Samurai-and-Knight-1

Essendo un DLC a pagamento, costando tra l’altro 13,99€ oltre alla necessità di possedere il gioco originale, abbiano notato che non ha ancora il successo desiderato, con pochi server  sempre pieni o abbastanza scarni .

Conclusione

Tutto sommato possiamo dire che le novità apportate risultano essere incoraggianti, per rendere un titolo unico ancor più bello e funzionale, permetteranno di dare sfregio alla propria fantasia e realizzare ciò che da piccoli abbiamo sempre desiderato, scontri su scontri con personaggi sempre più strani.

Detto questo non ci resta che consigliare questo DLC a tutti coloro che vogliono sperimentare e provare qualcosa di nuovo, capace di catapultarli verso nuovi scontri.

Chivalry-vikings-image

Pro

  • Possibilità di far scontrare personaggi di epoche differenti
  • Molte armi differenti

Contro

  • Grafica non del tutto eccellente
  • Prezzo del DLC ancora troppo alto

Commento Finale

8

 

 

Requisiti di sistema

  • S.O.: Windows XP
  • Processore: Intel Core 2 Duo 2.4 GHz o AMD Athlon X2
  • Memoria: 2GB RAM
  • Grafica: ATI Radeon 2870 o migliore, Nvidia GeForce 8800GT o migliore, 512MB VRAM
  • DirectX®: 9.0c
  • Hard Disk: 7GB Spazio Libero
Categorie
RecensioniRecensioni Videogiochi

ARTICOLI CORRELATI

  • Rime – Recensione

    Previsto inizialmente come esclusiva PlayStation 4, Rime ha visto uno sviluppo travagliato che ne ha fatto perdere l’esclusività, facendolo quindi approdare su praticamente tutte le piattaforme, persino su Switch....
  • Prey – Recensione

    Diciamo subito che forse il difetto maggiore di Prey è che è uscito un po’ in silenzio o comunque senza una adeguata campagna pubblicitaria dietro. Prey è infatti il...
  • Syberia 3 – Recensione

    Mentre da una parte c’è l’ottimo Timbleweed Park che propone non solo lo stile di gioco, ma anche il comparto grafico, delle avventure grafiche punta e clicca degli anni...
  • Yooka-Laylee – Recensione

    Mancano pochi giorni al rilascio ufficiale di Yooka-Laylee (previsto per l’11 aprile), titolo di Playtonic finanziato con un paio di milioni di dollari su Kickstarter, con la promessa di...