Razer DeathAdder V2 – Recensione

Razer è tra i brand più famosi quando si tratta di periferiche per PC e il mouse DeathAdder continua ancora oggi a fare storia. Meno di un mese è stato rilasciato l’ultimissimo Razer DeathAdder V2, una versione aggiornata del leggendario mouse.

Caratteristiche

Razer DeathAdder V2 è una versione perfezionata del modello originale con le ultime tecnologie dell’azienda. La forma rimane quasi identica, studiata specificamente per mani medio/grandi e ottimizzata per i palm grip ma si adatta anche alle altre prese. Il mouse è dotato di un nuovo rivestimento resistente al sudore leggermente ruvido al tatto e impugnature laterali gommate per un migliore controllo. La rotellina ha una resistenza minima con buoni step e texture gommata.

Razer DeathAdder V2 – Recensione

DeathAdder V2 è dotato degli Optical Switch di Razer, che abilitano un’attuazione basata su raggi infrarossi, eliminando completamente il rischio di doppi clic involontari. Con un tempo di risposta più rapido e affidabile ad ogni pressione, questi switch sono ultra-veloci e dalla durata di 70 milioni di attuazioni.

Razer DeathAdder V2 – Recensione

L’anima pulsante del mouse è il sensore ottico Razer Focus+, che vanta tra le più elevate specifiche sul mercato per un tracciamento fino a 20,000 DPI a 650 IPS. Grazie a Smart Tracking, Asymmetric Cut-off e Motion Sync, il sensore riesce ad essere estremamente preciso in qualsiasi situazione.

Razer DeathAdder V2 – Recensione

DeathAdder V2 è dotato di 8 pulsanti programmabili che consentono di accedere rapidamente a macro e funzioni secondarie con Razer HyperShift. Il mouse dispone ora anche dell’Advanced On-board Memory per salvare fino a 5 profili.

Il nuovo software Razer Synapse 3 è più intuitivo del passato, consente di creare macro e funzioni secondarie in modo semplice. Grazie al supporto per Razer Chroma RGB la retroilluminazione può essere sincronizzarla con gli altri dispositivi compatibili.

Razer DeathAdder V2 – Recensione

Troviamo un cavo estremamente flessibile grazie al nuovo rivestimento a bassa resistenza. Inoltre i piedini realizzati con PTFE puro garantiscono un movimento fluido su qualsiasi superficie.

Tutte queste caratteristiche in un design elegante e leggero dal peso di soli 82g.

Conclusione

Con oltre 10 milioni di Razer DeathAdders venduti è tra i mouse da gioco più celebri e premiati al mondo. Il nuovo Razer DeathAdder V2 continua questa difficile eredità, mantenendo la forma distintiva ma migliorando qualsiasi altro aspetto e perdendo peso.

Il mouse riesce a pensare solo 82g, una via di mezzo tra i mouse più leggeri e pesanti in commercio. I tasti e il sensore sono stati aggiornati con delle soluzioni top di categoria che assicurano migliori prestazioni ed affidabilità.

Razer DeathAdder V2 – Recensione

I nuovi piedini e il cavo Flex assicurano un’ottima reattività. La costruzione risulta estremamente solida con una superficie leggermente ruvida e impugnature laterali gommate per una migliore presa.

Personalmente ho trovato questo DeathAdder V2 eccezionale per le mie esigenze da giocatore. Prestazioni e forma perfette, forse la rotellina è da perfezionare ma nel complesso rimane buona.

Razer DeathAdder V2 continua ad essere un prodotto di rifermento, uno dei migliori mouse da gioco sul mercato.

Cosa ne pensi? Condividi e commenta

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su email
Email

Lascia un commento

Potrebbero Interessarti