Come molti di voi ormai sapranno, Epic Games negli ultimi mesi ha letteralmente pagato diversi sviluppatori affinché togliessero i propri prodotti da tutti gli store digitali e li vendessero in esclusiva su Epic Game Store. E Tim Sweeney, CEO di Epic Games, in una intervista su MCV ha esplicitamente dichiarato che questo genere di mossa altro non è che un modo per imporsi nel dominio di Steam.

Sweeney è ben conscio del potere che ha Steam nel mercato digitale PC, ed è ben conscio che mai e poi mai l’Epic Game Store non potrà mai mettersi alla pari con le feature che il negozio di Valve possiede, ma, a suo dire, il negozio di Epic è già quasi perfetto così com’è per l’utenza finale. Lo stretto necessario per comprare e scaricare il gioco basta e avanza.

Pertanto, come ha raccontato Sweeney, l’unico modo di imporsi nei confronti di Steam e vincere la battaglia è cercare di affinarsi in tre settori: una migliore redistribuzione economica nei confronti degli sviluppatori, prezzi più vantaggiosi per gli utenti, e le esclusive.

Inoltre, a suo dire ci saranno più cambiamenti nel mercato PC nei prossimi cinque anni di quanti ne siano stati fatti negli ultimi dieci anni. Questi cambiamenti sono necessari a suo dire perché il modello attuale sta cadendo a pezzi, e dunque molte decisioni vanno riviste.

Naturalmente col tempo il catalogo di Epic Games Store verrà ampliato sempre di più, quando le porte dello store verranno aperte a un maggior numero di sviluppatori meritevoli.