Elgato Wave:3 Microfono – Recensione

Condividi su facebook
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp
Condividi su email

Elgato, ormai di proprietà di Corsair, è un’azienda specializzata in dispositivi per lo streaming: schede di acquisizione, luci, green screen e molto altro. Ormai è un punto di riferimento per tutti gli streamer di tutto il mondo.
Tra le ultime novità ci sono i microfoni Wave, progettati specificamente per gli streamer e content creator. Nella recensione di oggi andiamo a vedere il modello più ricco di funzionalità, l’Elgato Wave 3.

Specifiche

  • 17 mm condensatore cardioide a capsula
  • Sample Rate/Risoluzione: 24-bit/96 kHz
  • Max SPL: 120 dB
  • Dynamic Range: 115 dB
  • Risposta in frequenza: 70–20,000 Hz
  • Porta: 1x 3.5-mm headphone out (direct monitoring)
  • Cavo: 2.5 m USB
  • Compatibilità: Windows, macOS, Elgato Stream Deck
  • Peso: 585 g (microfono + stand), 280 g (microfono only)

Caratteristiche

Elgato Wave 3 è stato sviluppato in collaborazione con LEWITT, un’azienda austriaca specializzata in studi professionali e registrazione di suoni dal vivo, mentre Elgato ha utilizzato la propria esperienza sopratutto lato software. Wave 3 non è semplicemente un microfono ma una soluzione completa dotata di mixer digitale.

Il microfono è dotato condensatore cardioide a capsula da 17mm con un filtro pop interno che riduce il rumore del respiro. L’ADC (convertitore analogico-digitale) integrato ha una risoluzione massima di 24 bit/96 kHz. Viene fornito con una tecnologia proprietaria Clipguard antidistorsione che analizza gli input in tempo reale, quando si verifica un picco improvviso, il suono viene reinstradato attraverso un flusso secondario del segnale a un volume più basso. L’intero processo avviene in modo automatico, consentendo di produrre un audio chiaro e fluido, senza dover costantemente prestare attenzione ai livelli di input.

Elgato ha inoltre dotato il microfono di un pulsante di disattivazione capacitivo nella parte superiore, estremante sensibile e comodo. Troviamo poi un quadrante multifunzione con una rotella per modificare il gain di ingresso, regolare il volume in uscita e regolare la dissolvenza incrociata tra il microfono e il mix audio del PC. Sono presenti dei LED bianchi che segnalano la modalità e il livello delle impostazioni, mentre quando il microfono è mutato un LED diventa rosso.

Elgato Wave:3 ha delle dimensioni sicuramente compatte rispetto alla concorrenza, più compatto e leggero senza però perdere la qualità costruttiva. Il microfono è veramente solido con una costruzione eccellente, esteticamente ha un design minimale total black con il semplice logo grigio di Elgato. Le dimensioni compatte sono utili nel caso lo volessimo portare in viaggio e aiutano a non occupare troppo spazio sulla nostra postazione da gioco.

Wave:3 è dotato di un solido supporto da tavolo in metallo, più pesante del microfono (305 grammi; il microfono da solo pesa 280 grammi) e fa un buon lavoro nel tenerlo in posizione e fermo grazie alla base gommata. Il microfono può ruotare liberamente e possiamo sempre usare aste di terze parti grazie all’adattatore incluso.

La confezione è molto semplice ma con un design accattivante in stile Elgato, comunque rimane curata e all’interno troviamo: microfono Wave:3, cavo USB-C da 2,5m, supporto da tavolo, adattatore per braccio snodabile e una guida rapida. Separatamente vengono venduti anche altri accessori come shock mount, filtro pop e braccio di sospensione snodabile e girevole.

Entrambe le porte principali sono collocate sul retro del microfono. Abbiamo l’uscita per cuffie da 3,5 mm con lo scopo di monitoraggio diretto senza alcun ritardo percettibile, mentre accanto vi è una porta USB-C per collegare il microfono al computer.

Uno dei vantaggi offerti dal Wave:3 è Wave Link, il mixer digitale di Elgato. Wave Link è diviso in due sezioni: Input e Output, l’idea generale della sezione Ingressi è quella di consentire di collegare varie sorgenti sonore a diverse “schede audio virtuali”.

Per configurare il mixer digitale, bisogna semplicemente avviare le app che desideriamo utilizzare durante lo streaming. Successivamente fare clic sull’icona nell’angolo in alto a destra del software Wave Link, per accedere al menu di Windows “Volume app e preferenze dispositivo”. Da qui assegniamo una scheda audio virtuale appropriata per singole app così da regolare individualmente il volume e decidere se saranno udibili solo da noi, dal pubblico o da entrambi.

In totale abbiamo nove canali indipendenti in ingresso, possiamo mixare le sorgenti audio in tempo reale, con due mixaggi in uscita completamente indipendenti, uno per noi e uno per il tuo pubblico, e monitorali all’istante. Possiamo anche disattivare la musica protetta da copyright nel mix di streaming e continuare ad ascoltare attraverso il mix di monitor.

Elgato Wave:3 è compatibile con i principali software di Streaming, tra cui OBS Studio. Per controllare completamente il workflow audio basta aggiungere Wave Link come sorgente audio principale.

Il software può sembrare sicuramente complesso ad una prima occhiata ma dopo qualche minuto sarà tutto semplice e naturale. Infine se si è in possesso di Elgato Stream Deck, Wave Link è perfettamente integrato per dare un controllo da studio completo.

Qualità Suono Microfono

Come già accennato, Elgato Wave:3 è dotato di un condensatore cardioide a capsula da 17mm con un filtro pop interno. L’azienda suggerisce di posizionare il microfono a circa due pugni (~20 centimetri) di distanza dalla bocca e di iniziare con il gain impostato al 40%, ovvero due LED bianchi. L’idea generale è di mantenere il gain il più basso possibile e il microfono il più vicino; questo è il modo ottimale per ridurre al minimo il rumore di fondo ottenendo la migliore qualità.

Il microfono Elgato Wave:3 ha una qualità davvero ottima, la voce suona naturale con una profondità e un timbro piacevoli. La qualità rimane decente anche quando il microfono è posizionato più lontano, anche se sicuramente offre le migliori prestazioni quando vicino alla bocca. Anche la tecnologia Clipguard funziona molto bene ed è impossibile distorcere il suono urlando.

Di seguito il nostro consueto breve test:

Conclusione

Dopo essere diventata un punto di riferimento per gli streamer, Elgato ha fatto la scelta intelligente di rilasciare una linea di microfoni. Elgato Wave:3 è la migliore proposta della lineup, è stato sviluppato in collaborazione con un’azienda esperta nel campo e i risultati si vedono/sentono.

Elgato Wave:3 è un eccellente microfono USB accompagnato da un ottimo software, che lo trasforma in una soluzione di streaming completa. Sebbene ci siano altri eccellenti microfoni sul mercato, anche meno costosi, non sono però dotati di un mixer digitale che può fare la differenza. Il microfono Elgato rimane per il momento l’unica soluzione a proporre una combinazione vincente di questo tipo, ed è un acquisto obbligatorio se già abbiamo lo Stream Deck o altri prodotti dell’azienda.

La qualità sonora è ottima ma anche quella costruttiva non è da meno, in particolare il tasto capacitativo è estremamente utile. Forse l’unica cosa da perfezionare è il feedback del quadrante, ma è giusto una piccolezza.

Elgato Wave:3 è un microfono consigliato a tutti i giocatori e streamer che vogliono un prodotto completo e di qualità, per questo si aggiudica due nostri award.

Award Gold PC-Gaming.it
CRYORIG R1 Ultimate - Recensione 22

Potrebbero Interessarti

Cosa ne pensi? Condividi e commenta

Condividi su facebook
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp
Condividi su email

Lascia un commento

Potrebbero Interessarti

I migliori PC portatili da gaming | Guida Settembre 2021

Lo sappiamo benissimo: per giocare al meglio su PC la scelta migliore è sicuramente quella di costruirsi un proprio computer fisso. Più versatilità, più potenza, …

PC Gaming 600-650 euro: Migliori configurazioni Intel e AMD | Settembre 2021

Con un PC Gaming 600-650 euro si inizia veramente a fare sul serio, se con la nostra configurazione gaming da 500 euro i compromessi grafici …

PS5 vs Xbox Series X vs PC: Qual è la migliore?

Dopo una generazione che, almeno a livello hardware, è stata un po’ una delusione, un PC di fascia media poteva tranquillamente superare le prestazioni di …

Ryzen 7 5800X vs i7-10700K: Qual è il migliore? – Prestazioni a confronto

Nella scelta del processore per un PC di fascia alta il confronto tra il Ryzen 7 5800X e l’Intel Core i7-10700K è quasi scontato. Le …

Hai domande o vuoi una build personalizzata? Contattaci