Depraved è uno di quei indie molto poco conosciuti, un gioco che abbiamo scoperto per caso, ma che ci ha incuriosito per l’idea di fondo. Un gestionale ambientato nel Far West con meccaniche nuove legate a quel periodo storico, questa ci era sembrata una buona idea. Purtroppo, mouse alla mano, Depraved non ci ha per nulla entusiasmato, leggete la nostra recensione per scoprire perché.

Un accesso anticipato troppo anticipato

Depraved ci mette al comando di un gruppo di pionieri nel Far West, il nostro primo compito sarà quello di stanziarci in un punto della mappa costruendo il municipio. Costruendolo si sbloccheranno i primi edifici: le case di livello minore, il taglialegna, il bagno insomma tutti gli edifici base per far crescere la nostra comunità. L’intero gioco si basa sul soddisfacimento dei bisogni dei nostri cittadini, cosi da farli “evolvere” alla classe superiore e sbloccare nuovi edifici. Ci sono tre tipi di cittadini: pionieri,(gli abitanti iniziali della nostra città) coloni e mercanti, ognuno con bisogni differenti da soddisfare. Soddisfare i bisogni dei cittadini sarà molto semplice, in quanto il sistema economico che regge il gioco è troppo basilare, andare in rosso sarà impossibile. Per far mantenere i bilanci in positivo ci basterà costruire un paio di case, guadagnando affittandole ai cittadini. Se volessimo ottenere risorse finanziarie extra, possiamo anche vendere le merci in più che produciamo.

Depraved recensione 3 696x392 - Depraved - Anteprima - "Un gestionale nel Far West"Gli edifici costruibili non sono molti, oltre a quelli più banali come: piantagioni, distillerie e miniere, sono presenti solo alcuni edifici completamente nuovi come l’armeria e il forte che ci serviranno per contrastare i banditi. Essendo il gioco ambientato nel Far West, la possibilità che la nostra cittadina venga assaltata dai banditi è molto alta, per questo avremo bisogno di difenderci, assoldando dei gunsliger (dei mercenari che ogni tanto arriveranno nella nostra città) e producendo armi per armare i cittadini. Anche il crimine sarà un problema, per questo faremo meglio a costruire l’ufficio dello sceriffo, cosi da far rispettare la legge e magari arrestare qualche ricercato per riscattarne la taglia. Il gioco finisce qui, dopo 3-4 ore di gioco avremo già visto tutto quello che il titolo offre, costruito tutti gli edifici e messo in piedi una cittadina niente male. Per colpa della facilità con cui riusciremo a costruire e far prosperare la nostra città, difficilmente avremo voglia di iniziare una seconda run. Non sono presenti altre modalità oltre quella libera, ci saremo aspettati almeno una modalità campagna, seppur magari breve.

Depraved recensione 4 696x392 - Depraved - Anteprima - "Un gestionale nel Far West"

Conclusioni

Depraved è un accesso anticipato fin troppo anticipato, il prezzo a cui viene venduto attualmente, ben 23€, è completamente sproporzionato rispetto ai contenuti che il gioco offre al lancio. Gli sviluppatori stanno migliorando il gioco giorno per giorno seguendo i consigli della community, ma per arrivare a un titolo che vale quella cifra ci vorrà molto tempo. Per adesso quindi lo bocciamo, magari lo riproveremo fra qualche mese quando lo sviluppo sarà andato più avanti.

Depraved – Anteprima – “Un gestionale nel Far West”
5 (100%) 1 vote