Oggi andiamo a recensire ASUS ROG PUGIO, un mouse dall’aspetto molto semplice ma dalle caratteristiche che lo rendono unico nel suo genere. La comodità e la solidità sono le armi vincenti di questo mouse, può essere utilizzato sia dai giocatori destrorsi o mancini grazie alla sua forma asimmetrica e ai tasti laterali su entrambi i lati.

Una delle caratteristiche principali del ROG PUGIO è la presenza di pulsanti laterali magnetici, che possono essere sostituiti facilmente con una copertura fornita nel bundle. Grazie a questo piccolo accorgimento è stato del tutto risolto il problema più comune tra i mouse asimmetrici, ovvero l’errata pressione dei tasti laterali opposti al pollice.

Nel bundle, oltre alle coperture magnetiche laterali, troviamo anche una coppia di switch Omron D2F di ricambio e una pratica sacca in tessuto nero per il trasporto.

ROG PUGIO monta gli switch Omron D2FC che sono progettati per resistere ad almeno 50 milioni di click. Il feedback tattile tra le due coppie di switch è diverso, ma la possibilità di poter scegliere quello che più ci aggrada è una caratteristica unica e non da poco.

Per cambiare gli switch basta tirare via i gommini in plastica sul retro del mouse, svitare le viti e rimuovere la copertura superiore. L’operazione è resa il più facile possibile, grazie al socket Push-Fit basterà estrarre quelli presenti e inserire quelli nel bundle o anche altri compatibili. Qui è presente una lista degli interruttori compatibili: https://www.asus.com/ROG-Republic-Of-Gamers/ROG-Pugio/specifications/

Il sensore ottico è l’ottimo Pixart PMW 3330 da 7200 DPI, 150 IPS e una accelerazione massima di 30g. Le dimensioni L120xW68x H37 prediligono perlopiù gamers che hanno una presa di tipo Fingertip o Clawgrip, mentre forse risulterà troppo piccolo per chi utilizza una presa Palmgrip.

ROG PUGIO utilizza un rivestimento in metallo dorato e ha pannelli laterali in gomma ispirati alle trame Maya per una presa sicura e comoda, il tutto contornato da ben 3 zone con illuminazione Aura RGB programmabile via software ROG Armory. Inoltre con Aura Sync è possibile sincronizzare l’illuminazione RGB con schede madri ASUS e altri componenti compatibili.

Grazie a ROG Armoury è possibile personalizzare il mouse nei più svariati modi. Si possono regolare le impostazioni di calibrazione delle prestazioni e della superficie, creare macro, salvare 3 diversi profili e impostare l’illuminazione a nostro piacimento con ben 6 effetti luce. ROG Armoury è un software tra i più completi e intuitivi in circolazione.

Dopo averlo provato per diversi giorni possiamo dire che il ROG PUGIO ci ha soddisfatto a pieno per la sua comodità e per il suo comparto hardware. Il sensore Pixart 3330 fa il suo lavoro e anche al massimo dei DPI è risultato essere molto preciso. Un’altra cosa che ci ha davvero colpito è l’estetica, le linee sobrie del mouse con l’illuminazione RGB su tutti i lati riescono a valorizzare qualsiasi postazione da gaming.

Forse l’unica nota dolente è il prezzo di 80 euro, di certo non economico e che lo colloca in fascia estremamente agguerrita. Comunque ci sentiamo lo stesso di consigliarlo sopratutto per gamers mancini.

Alphacool Eisberg 240 CPU - Recensione 17

Valuta