Due giorni fa avevamo riportato la notizia secondo cui i benchmark pubblicati da Intel riguardanti le sue nuove CPU i9 9900K contenessero dati inesatti riguardanti i risultati ottenuti dalle CPU della concorrenza AMD, e che dunque fossero fuorvianti.

Pare che la colpa di questi risultati sottotono siano da imputare ad alcune bizzarri scelte in fase di test da parte di Principled Techologies, azienda commissionata da Intel per la stesura di questi benchmark.

Ad esempio, l’azienda, nei suoi test, ha infatti utilizzato la funzionalità “game mode” nel testare la CPU AMD Ryzen 7 2700X, una opzione che dimezza l’utilizzo dei core/thread, per cui da 8/16, passano a 4/8, con conseguente diminuzione delle performance nei titoli dove l’utilizzo del multi-thread è importante.

Questa svista, più tutta un’altra serie di fattori, come l’uso del dissipatore fornito in stock da AMD anziché quello migliorato usato da loro (QUI c’è tutto l’elenco delle configurazioni), hanno costretto l’azienda a rispondere con un messaggio che chiarisce che questa faccenda non è frutto di disonestà, e che si premurerà dunque di ripetere ed aggiornare i test con condizioni del tutto simili a quelle fatte con le CPU Intel.

Intel Core i9 9900K principled - Principled Technologies risponde riguardo ai benchmark erronei delle CPU

Principled Technologies risponde riguardo ai benchmark erronei delle CPU
Valuta articolo