La fabbrica di Pyeongtaek per la produzione NAND di Samsung ha subito un’interruzione di corrente significativa, un evento durato 30 minuti e che avrebbe avuto un effetto catastrofico sulla produzione.

Queste strutture funzionano su hardware all’avanguardia, creando circuiti troppo piccoli da vedere a occhio nudo. Mentre l’interruzione è durata circa mezz’ora, il danno causato da questo evento può essere misurato in una scala di costo al secondo, danneggiando fino a 60.000 wafer di silicio. 

Secondo i primi rapporti, questo danno può rappresentare fino all’11% della produzione flash NAND mensile di Samsung, che rappresenta circa il 3,5% della produzione globale NAND, non una buona notizia per il mercato.

Samsung sta espandendo in modo aggressivo la propria produzione NAND, anche se a breve termine questo incidente potrebbe aumentare il prezzo della NAND che sono alla base degli SSD.