Microsoft si sta preparando per aggiungere il supporto alle API delle DirectX a WSL (Windows Subsystem for Linux), un layer in grado di far girare le app Linux su Windows. Questa nuova versione di WSL sarà in grado di virtualizzare le DirectX nelle applicazioni Linux e dunque consentendo loro di usarle.

Al contrario di Wine, che tenta di portare i comandi Direct3D su OpenGL, ciò che Microsoft sta proponendo è una vera interfaccia DirectX per le app in WSL, con cui essenzialmente può parlare direttamente con l’hardware.

Microsoft ha dunque introdotto la versione Linux di DXGkrnl, un nuovo driver kernel-mode per Linux che parla ai driver DXGkrnl di Windows. Con questo, Microsoft promette di rivelare le Direct3D 12, DxCore e DirectML. Servirà anche come conducente per API di terze parti, come OpenGL, OpenCL, Vulkan e CUDA. Microsoft dovrebbe rilasciare questa WSL con WDDM 2.9, una versione futura di Windows 10.