Vediamo il vecchio eroe Ranger in Quake Champions




Circa vent’anni fa, un marine solitario attraversò il Portale Vacuo e si ritrovò in un incubo. Affrontò orrori innominabili per trovare quattro strane rune, poi distrusse l’abominio noto con il nome di Shub-Niggurath. Ranger, l’originale eroe di Quake, fa il suo ritorno in Quake Champions e ha ancora sete di sangue.

Ranger è una leggenda di Quake, colui che si teletrasportò nella Dimensione dei Condannati e nel Regno della Magia Nera. Intrappolato in questi oscuri mondi da allora, ha combattuto perfino nel caos sanguinario di Quake III Arena.

In Quake Champions, Ranger scava tra i suoi ricordi più sanguinosi e brandisce la Sfera distorcente, estratta dalle interiora fumanti della Grande Madre alla fine di Quake, per teletrasportarsi (e teleuccidere) gli avversari nell’arena. L’abilità passiva Autodifesa riduce i danni autoinflitti del 20%, permettendogli di effettuare rocket jumping meno dolorosi e di usare il lanciarazzi a distanza ravvicinata per la gioia dei suoi nemici.
Statistiche iniziali:

  • Salute iniziale: 100
  • Corazza iniziale: 25
  • Velocità: 320

Abilità attiva – Sfera distorcente: Ranger ha abbattuto orde di cavalieri della morte e shambler per ottenere la Sfera distorcente, ma ne è valsa la pena. Ora la usa nell’arena per teletrasportarsi su sporgenze, schivare razzi e teleuccidere ignari avversari. Inoltre, la Sfera distorcente infligge danni quando entra in contatto con il bersaglio e, se non viene utilizzata, esplode danneggiando chi si trova nelle immediate vicinanze.

Abilità passiva – Autodifesa: Ranger è un veterano e conosce tutti i trucchi di un’arena. La sua abilità passiva Autodifesa riduce i danni autoinflitti del 25%, così può sfruttare al meglio il rocket jumping per scatenare l’inferno sui nemici.

Categorie
NewsVideogiochi
Matteo Carrara

Appassionato di videogiochi e hardware fin da piccolo, legato in particolare alla saga di Mass Effect.

ARTICOLI CORRELATI