Ecco come EA ha tentato, invano, di far chiudere Slightly Mad Studios

Di certo EA è nota per le svariate software house con cui ha avuto a che fare nel corso degli anni, per poi chiuderle quando le acque non erano molto favorevoli. Ma nessuno prima d’ora aveva mai svelato cosa accadessero durante questi frangenti nel dettaglio.
Ian Bell, fondatore e CEO di Slightly Mad Studios (sviluppatori tra l’altro del recente Project CARS 2), ha avuto il coraggio di dire senza peli sulla lingua com’è stato il loro rapporto con EA per lo sviluppo della serie Shift di Need for Speed, durante una intervista con SpotTheOzzie. Per farla breve, hanno tentato di fo**erli (parole sue).
Ma vediamo con calma come sono andate le cose.
Era il 2011 e Shift 2 era appena stato pubblicato ottenendo tra l’altro ottimi risultati, ma Slightly Mad Studios non navigava proprio nell’oro, urgeva trovare un nuovo contratto con un publisher ora e subito. Si fece avanti ancora una volta EA, che contattò Bell con la proposta di offrire al loro studio un milione e mezzo di dollari per lavorare su Shift 3, con l’obbligo tuttavia di non contattare altri publisher né accettare altri lavori. Inutile dire che Bell accettò. Con l’amara sorpresa di essere contattato nuovamente da EA due settimane prima di iniziare ufficialmente i lavori per avvisarli che il gioco era stato cancellato.
Questa notizia, per la società di Bell, significava solo una cosa: dichiarare bancarotta. Infatti, EA, contattò privatamente gli sviluppatori di Slightly Mad Studios, offrendo loro un posto fisso tra i loro studi, offerta che però accettarono in ben pochi. Tutti gli altri rimasero perché avevano enorme fiducia in Bell (nella storia della società fino a oggi nessuno se n’è mai andato, ad eccezione di una sola persona che però aveva accettato un lavoro da Pixar).
Con sangue freddo e un’immensa determinazione, Bell si fece fare un nuovo mutuo sulla casa, e con i soldi ottenuti, fatti due conti, aveva abbastanza per stare a galla ancora tre mesi per pagare i locali, le bollette, i propri dipendenti e le tasse prima di dichiarare il fallimento, ma incredibilmente quei tre mesi bastarono per poter rientrare in carreggiata, creare un prodotto vendibile e ristabilizzare la situazione economica della società. Tant’è che, come ha sottolineato Bell, tutti quelli che erano passati a EA, hanno dato poi le dimissioni e sono ritornati sotto l’ala di Slightly Mad Studios.


Ma non è solo questo il motivo per cui la società non è affondata. Bell si premurò di leggere scrupolosamente punto per punto il contratto che stava andando a firmare della EA, e gli balzò all’occhio una clausola, che dichiarava che accettando tal contratto, tutte le tecnologie di proprietà di Slightly Mad Studios sarebbero finiti in mano a EA, ad eccezione naturalmente delle tecnologie di terzi.
Naturalmente con tecnologie si intendono tutti quei tool, strumenti e programmi creati su misura per i loro sviluppatori e per i loro giochi, come tool grafici, IA degli avversari, modelli di fisica delle automobili, strumenti per la creazione dei tracciati, eccetera.
Bell, scaltro come una faina, prima di firmare il contratto decise di creare una società a nome suo all’oscuro della EA, a cui poi trasferì tutte le tecnologie di Slightly Mad Studios, così che raffigurassero come tecnologie di terzi. Fu uno scacco matto, perché quando EA bussò alla porta per ottenere queste preziose tecnologie che gli spettavano di diritto come da contratto, rimasero con un pugno di mosche e non ci poterono far nulla.
Se Bell non avesse fatto questa mossa, non avrebbero avuto più niente con cui lavorare e avrebbero dovuto dichiarare bancarotta.
Inutile dire che Ian Bell, durante l’intervista s’è lasciato andare a parole non proprio gentili, definendo EA un branco di st**nzi, che non meritano alcun rispetto, più altre definizioni che lasciamo scoprire a voi.

Ma sarà vera tutta questa vicenda? Può essere che Ian Bell si sia inventato alcuni dettagli per screditare la EA? In attesa di una risposta o eventuali chiarimenti dalla controparte riguardo a questa faccenda, postiamo la seguente per non dimenticare:

Cosa ne pensi? Condividi e commenta

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su email
Email

Un commento su “Ecco come EA ha tentato, invano, di far chiudere Slightly Mad Studios”

  1. A vedere l’immagine e leggere Maxis, Bullfrog. Visceral, Criterion, Bioware e tutti gli altri mi scende una lacrima. Bastardi. Le grandi corporate ho imparato nella vita che sono prima di tutto amministrate da bravi avvocati, furbi e bastardi. Avvocati per amministratori delegati.

    Rispondi

Lascia un commento

Potrebbero Interessarti

16 GB vs 32 GB vs 64 GB di RAM – Quanto ne serve per giocare?

Nella scelta di una buona configurazione per un PC da gaming la memoria RAM è un componente essenziale. Il rischio di avere poca memoria RAM …

RTX 2070 Super vs RX 5700 XT: Qual è la migliore? – Prestazioni a confronto

RTX 2070 Super vs RX 5700XT: cerchiamo di capire insieme quale sia la scelta migliore!

Ryzen 9 3900X vs i9 9900K

Ryzen 9 3900X vs i9-9900K: Qual è il migliore? – Prestazioni a confronto

Dopo aver messo a confronto le proposte di AMD e Intel nelle fasce di prezzo economica e media, oggi ci spostiamo nella fascia alta confrontando …

Hai domande o vuoi una build personalizzata? Contattaci