Comparto tecnico e Confronto con l'originale

Sono passati ben 20 anni dall’uscita dell’originale Age of Empires, in questi anni molto è cambiato negli RTS soprattutto in termini tecnici. Per fortuna questa Definitive Edition porta con sé anche una svecchiata del reparto grafico dell’originale, mantenendo però lo stesso motore di gioco. Il risultato è tutto sommato buono, se confrontata all’originale questa nuova versione vanta molti miglioramenti grafici, se però la confrontiamo con i giochi odierni potremo definirlo come un lavoro “sufficiente”. L’IA è sicuramente uno dei punti più dolenti di questa nuova versione, con cittadini e soldati che si bloccano contro degli ostacoli naturali oppure che rimangono senza motivo inattivi, costringendoci a utilizzare molte volte il controllo manuale. Ereditata dall’originale l’estetica delle unità che, poteva essere accettabile 20 anni fa, ma nel 2018 vedere delle unità egiziane esteticamente uguali e quelle greche non è accettabile. Ci saremo aspettati del lavoro per differenziare anche esteticamente le fazioni. Da applausi invece il loro svolto sulla colonna sonora, una rimasterizzazione di assoluta qualità.

Confronto Originale-Definitive Edition
Age of Empries Definitive edition confronto 2 - Come gira...Age of Empires: Definitive Edition? - Recensione e analisi della versione PC
Age of Empries Definitive edition confronto 1 - Come gira...Age of Empires: Definitive Edition? - Recensione e analisi della versione PC

Le differenze con l’originale ci sono e si notano nettamente in questa immagine, era anche ovvio visto che parliamo di un gioco di ben 20 anni fa.

Come gira…Age of Empires: Definitive Edition? – Recensione e analisi della versione PC
Valuta articolo