Il CEO di Take Two critica i giochi a cadenza annuale

red-dead-redemption-01

 

Il CEO di Take Two Interactive Strauss Zelnick durante un evento ha ribadito agli intervistatori  che trasformare i propri franchise in giochi a cadenza annuale genererebbe effetti negativi sul lungo periodo.

Nello specifico Zelnick ha specificato che dal punto di vista economico sarebbe un successo nel breve periodo ma ha anche aggiunto che alla lunga i giocatori si sarebbero stufati di giocare sempre al solito gioco anche per una probabile scarsa qualità dovuta ai tempi di sviluppo troppo corti.

Zelnick ha concluso dicendo che gli undici giochi in possesso di Rockstar e 2K Games hanno venduto individualmente più di 5 milioni di copie ciascuno e che ciò non sarebbe stato possibile con un modello annuale, riferendosi in particolare alle altre software house che a sua detta “tendono a bruciare i loro franchise”.

Categorie
NewsVideogiochi

ALTRI CONTENUTI