Era il 1996 quando Blizzard lanciò Battle.net, piattaforma online usata dapprima per gestire il lato multyplayer di Diablo, in seguito diventata anche il marketplace di tutti i titoli Blizzard.
Dopo aver spento venti candeline digitali, Blizzard ha deciso che è ora di abbandonare il nome “Battle.net” in favore di qualcosa di più immediato, ovvero semplicemente “Blizzard”, per uniformarsi anche ad altri suoi servizi come “Blizzard Voice” e “Blizzard Streaming”.
Dal punto di vista pratico e del consumatore nulla cambierà, cambierà per l’appunto il nome della piattaforma, ma tutto il resto rimarrà tale e quale.
Chissà se prossima volta che Blizzard cambierà nome alla sua piattaforma dovrà pagare 10$…

Diablo III: Reaper of Souls - Recensione 8

Facebook Commenti